Articolo »

  • 11 agosto 2019
  • Casale Monferrato

Il dopo-processo

Ancora un capitolo nello scandalo degli appalti comunali dopo il ricorso in Cassazione di Drutto

La vicenda relativa all'assegnazione degli appalti comunali che ha visto coinvolto l'ex presidente del Consiglio Davide Sandalo torna a interessare il Comune di Casale, questa volta nel suo bilancio

La vicenda relativa all'assegnazione degli appalti comunali che ha visto coinvolto l'ex presidente del Consiglio Davide Sandalo torna a interessare il Comune di Casale, questa volta nel suo bilancio.
Dopo che i giudici della Corte d'Appello di Torino hanno ridotto da 2 anni a 1 anno e 4 mesi la pena a Sandalo e sovvertito la sentenza di primo grado nei confronti dell'ex funzionario dell'Ufficio Economato Enrico Drutto (assolto in primo grado e condannato in appello a 1 anno di reclusione), quest'ultimo aveva presentato ricorso in Cassazione, avverso la Sentenza della Corte d’Appello, nel quale il Comune di Casale si era costituito parte civile. La Cassazione aveva confermato la condanna dell'appello obbligando Drutto a risarcire il Comune e sostenere le spese legali.
L'ex funzionario ha provveduto al pagamento e ora, con una determina, il Comune ha impegnato a favore dell’avvocato Marco Gatti, incaricato del patrocinio dell’Ente avanti alla Suprema Corte di Cassazione, la somma onnicomprensiva di 4.180 euro. La spesa è stata imputata alla Missione 01-Programma 02 del Bilancio 2019-2021, annualità 2019, al capitolo "Spese legali contrattuali e varie".