Articolo »

Comuni

Piccoli paesi senza bancomat e posta: «Che intenzioni ha Poste Italiane?»

Gli interventi di Pettazzi e Zoccola

Il problema dei piccoli Comuni sprovvisti sia di sportelli Bancomat che di Bancoposta, oltre alle tante segnalazioni da parte di amministratori comunali, ha spinto l’on. Lino Pettazzi, deputato della Lega e sindaco di Fubine, a scrivere a Poste Italiane.

L’intervento del parlamentare monferrino fa seguito a un sondaggio realizzato dalla Provincia di Alessandria secondo il quale quasi il 55% dei piccoli Comuni non è dotato, sul suo territorio, di sportelli di banche o posta: «Si tratta di servizi divenuti ormai essenziali - commenta Pettazzi - non solamente per gli anziani, che molto spesso sono impossibilitati a raggiungere la filiale o la Posta della città più vicina, ma anche, in generale, per tutti gli abitanti dei piccoli Comuni in un tempo come quello attuale segnato da lockdown e zone rosse che vietano gli spostamenti. I disagi alla popolazione, insomma, sono tanti e l’assenza, o, peggio, la chiusura degli sportelli ancora esistenti rappresenta fonte di forte disagio per chi abita in un piccolo Comune».

Nella sua missiva, Pettazzi chiede a Poste Italiane «quali siano i piani di investimento da parte di Poste Italiane, in particolare sulla Provincia di Alessandria fortemente penalizzata dalla carenza di questo servizio indispensabile per la sopravvivenza dei piccoli Comuni». Attento alla tematica c’è anche Stefano Zoccola, consigliere provinciale del Carroccio: «I sindaci che hanno partecipato al sondaggio continuano a chiamarmi per sapere quali possono essere i riscontri», spiega.

La problematica è stata sottoposta anche Pier Sandro Cassulo, vicepresidente ANCI Piemonte Piccoli Comuni, il quale la sottoporrà al prossimo consiglio di ANCI Piemonte.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Giovanni Spinoglio

Giovanni Spinoglio
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!