Articolo »

  • 11 marzo 2018
  • Torre Beretti

Boiler difettoso: tre persone intossicate dal monossido

Tanta apprensione nei giorni scorsi a Torre Beretti e Castellaro per le esalazioni di monossido di carbonio che hanno interessato due appartamenti confinanti, ubicati in via Campazzi. In un alloggio erano presenti tre persone: una madre quarantacinquenne e due figli, un ragazzo di venti anni e una ragazza quindicenne.

La donna sarebbe entrata in bagno notando al suo interno la figlia già priva di sensi: immediate le richieste di aiuto e l’intervento dei medici del 118. A scatenare le esalazioni tossiche sarebbe stato, secondo le prime ricostruzioni, il boiler del bagno, subito sigillato dai vigili del fuoco su disposizione del personale dell’Ats, l’Associazione Territoriale della Sanità: i due appartamenti sono di proprietà della parrocchia, come hanno spiegato dal Comune lomellino, e concessi in locazione alle famiglie.

La ragazza minorenne è stata trasportata all’ospedale di Fidenza dove ha trascorso la notte in camera iperbarica, la madre e il fratello sono stati portati in ospedale per ossigenare il sangue, mentre due persone occupanti l’alloggio attiguo sono state soccorse ma le loro condizioni era decisamente meno gravi.

Il sindaco ha emesso un’ordinanza, su suggerimento dei tecnici dell’Ats, atta alla messa in sicurezza dell’impianto: nelle prime ore dopo l’accaduto infatti era possibile utilizzare solo acqua fredda mentre fortunatamente, si poteva usufruire di riscaldamento dal momento che l’impianto è autonomo.