Articolo »

Si apre la polemica

Il bando sport e periferie: perché Moncalvo non ha partecipato?

La minoranza ha chiesto chiarimenti all'amministrazione comunale

Il nuovo campo di hockey su prato di Moncalvo

Scoppia la polemica a Moncalvo sul bando “Sport e periferie”. “Il comune di Fubine ha ottenuto un finanziamento di 700 mila euro, Fontanetto Po 158 mila senza parlare di realtà più grosse come Casale, 175 mila. Moncalvo non pervenuto. Perché?” A porre la domanda è l’ex vicesindaco Mario Zonca, oggi in minoranza nel consiglio comunale di Moncalvo. “Si poteva non ottenere il finanziamento, come è successo ad esempio a Portacomaro, ma quantomeno partecipare al bando”, prosegue Zonca che rincara: “E’ evidente che ai nostri amministratori piaccia finanziare gli interventi con i mutui onerosi a carico dei moncalvesi come quello per il campo da hockey. Bastava aspettare, partecipare al bando e magari sarebbe stato finanziato. Ma non ci hanno neanche provato”.

A rispondere è il sindaco Christian Orecchia: “Quando abbiamo intrapreso l’iter per la realizzazione del campo da hockey era il 2019, in quel momento non avevamo conferme dal Ministero sulla riapertura del bando negli anni a venire. In quel momento si doveva decidere se salvare questo sport e i servizi a esso connessi o lasciarlo morire perdendone l’indotto che genera. Proprio perché il futuro è imprevedibile, abbiamo optato per il mutuo a tasso 0 con Credito Sportivo, soluzione comunque vantaggiosa, come in precedenza si fece per la realizzazione dei nuovi spogliatoi della palestra o per la manutenzione della palestra scolastica. Stiamo facendo investimenti senza precedenti nello sport, settore strategico per lo sviluppo della comunità, basti pensare ai 200 mila euro dei contributi MISE per l’efficientamento energetico della palestra. Il prossimo intervento riguarderà il campo polivalente”. Felice il sindaco di Fubine, l’onorevole Lino Pettazzi: “dopo aver ottenuto 855 mila euro di fondi per il dissesto idrogeologico, ci è stata comunicata in questi giorni l’assegnazione di questi 700 mila. Il finanziamento ottenuto riguarda un progetto molto ambizioso e ben più oneroso che riguarderà la realizzazione di un centro sportivo che sarà punto di riferimento per tutto il territorio. Si tratta adesso di ridefinire i termini e studiare bene come finanziare la spesa mancante”.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Giorgio Allara

Giorgio Allara
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!