Articolo »

Pro Loco di Moncalvo: «Annata molto positiva»

«È stato un anno ricco di soddisfazioni e siamo molto contenti dei risultati raggiunti, grazie soprattutto al nostro team di volontari che dedica tempo e passione per valorizzare e rendere sempre più bella Moncalvo». Con queste parole Mirko Ippolito, presidente della Pro Loco, descrive un 2018 denso di appuntamenti e incontri che ha visto un incremento notevole di partecipazione sia di turisti che di moncalvesi.

«L’anno appena trascorso era iniziato con la cena insieme alla società tamburellistica aleramica - spiega Sonia Pozzo della Pro Loco - per presentare le nuove squadre di tamburello. Il ricavato della serata, intorno ai 1500 euro, lo avevamo destinato proprio alla società di tambass per l’acquisto del defibrillatore».

Tante le iniziative che si sono svolte in primavera, periodo in cui Moncalvo è stata abbellita con fiori e decori dai volontari della Pro Loco, guidati da Barbara Marzano e Valentina Toson. Ricordiamo, ad esempio, la cena a tema irlandese, organizzata in occasione di San Patrizio, 17 marzo, il cui ricavato è andato all’associazione Aleramo onlus che gestisce il Museo civico cittadino. L’anno è proseguito con la Stramoncalvo, un appuntamento con gli anni sempre più sentito, la patronale con i tanti eventi organizzati insieme al Comune, ad Aleramo Onlus e al comitato Palio.

A giugno si è tenuto l’appuntamento con le “Cucine monferrine” in piazza Carlo Alberto, mentre il mese di settembre è stato dedicato ai Festival delle sagre. Prima la partecipazione ad Asti con la vittoria del premio Garantiamo l’Origine assegnato dalla Coldiretti per “aver percorso la filiera e aver certificato l’origine degli ingredienti impiegati”, poi a settembre al Festival delle Pro Loco del Veneto, a Piazzola sul Brenta in provincia di Padova, in rappresentanza del Piemonte.

«Sono importanti soddisfazioni che vanno a rafforzare il nostro impegno costante per l’utilizzo di materie prime del nostro territorio e di qualità», prosegue il presidente Ippolito. Da sottolineare, l’attenzione all’ambiente. «Durante tutti gli eventi - spiega Christian Orecchia, volontario - utilizziamo materiale biodegradabile in polpa di cellulosa e a basso impatto ambientale». Anche l’autunno è stato ricco di iniziative come la partecipazione alla Fiera del Tartufo, i due incontri a novembre per la bagna cauda in collaborazione con il Lions Club aleramico, il cui ricavato è stato destinato alla Croce rossa per l’acquisto della sedia portantino elettrica e la Cena della vittoria per festeggiare la conquista dell’ultimo Palio dio Asti.

Il 2018 si è concluso con i due sabati dedicati ai piccoli moncalvesi con Babbo Natale, ma prima, il grande successo di pubblico alla Fiera del Bue grasso. Il prossimo appuntamento sarà la riunione di approvazione del bilancio.