Articolo »

Amministrazione comunale

Manutenzione del verde pubblico: polemica a Moncalvo

Erbacce nei sanpietrini del selciato di piazza Garibaldi

Avete visto piazza Garibaldi? E’ un bel praticello verde.” Il consigliere di minoranza Mario Zonca, ex vicesindaco, pone una domanda che in molti da tempo si stanno facendo: “che cosa aspetta l’assessore al decoro urbano a intervenire prima che sia troppo tardi?”. Piazza Garibaldi è una delle due piazze principali della città aleramica, su di essa si affacciano il Teatro civico, i dehors dei bar, i negozi storici della città e la si raggiunge tra le altre vie anche dalla Fracia, la via pedonale del commercio moncalvese. La piazza, completamente rifatta una ventina di anni fa con una pavimentazione di san pietrini e percorribile solo a piedi, è un gioiello amato da turisti e moncalvesi, tanto da meritare la copertina del volume edito nel 2003 dalla Regione Piemonte “La bellezza del Piemonte attraverso le sue piazze”. Da alcuni mesi però, è cresciuta una peluria verde in tutta la piazza che si è insinuata tra un san pietrino e l’altro e tra le pietre di fiume posizionate nel decoro centrale della piazza. “Da quando è stata realizzata non l’ho mai vista così ‘verde’’”, commenta con ironia l’ex sindaco Aldo Fara sotto il cui mandato era stata realizzata la pavimentazione.

A Moncalvo sanno tutti quanto ci tenga al decoro urbano – risponde l’assessore Barbara Marzano – purtroppo però i due erbicidi più utilizzati in agricoltura biologica, il pirodiserbo e quello a base di acido pelargonico sono troppo blandi e non hanno risolto il problema. Le ditte specializzate inoltre hanno potuto riprendere le loro attività da poco a causa del blocco causato dal Coronavirus. Ci siamo infatti subito attivati e martedì (oggi per chi legge, ndr) ci sarà una prova gratuita da parte di un’azienda che usa una tecnica innovativa, completamente ecologica, a base di vapore acqueo che a circa 120 gradi di temperatura vaporizza brucando le erbacce. Siamo contrari all’utilizzo dei diserbanti che venivano usati gli anni scorsi, anche perché dal 2016 non si potrebbero più adoperare”.

Utilizzino i metodi che preferiscono ma risolvano il problema. Il Comune infatti ha portato i fondi destinati alla manutenzione del verde pubblico da 4 mila a 20 mila euro, per cui non ci sono scuse. Piazza Garibaldi non è mai stata così. Non è difficile rendersi conto che se le erbacce non vengono eliminate in fretta, possono infiltrarsi sotto la pavimentazione rischiando di far saltare i san pietrini creando un danno alla piazza più bella del nostro territorio. Siamo contenti dei fiori che l’amministrazione insieme alla pro loco e ai volontari sta posizionando per il comune, rendendo grazioso ogni angolo del paese, ma non è accettabile trascurare così la piazza principale”, commentano dalla minoranza guidata da Sergio Alessio. 

Ammetto che sia il tallone d’Achille della nostra gestione – risponde Marzano – ma l’emergenza sanitaria non ci ha aiutato e sono consapevole della bellezza e dell’importanza di piazza Garibaldi per la nostra città, daremo aggiornamenti nei prossimi giorni”.

 In attesa che anche piazza Garibaldi torni quindi al suo antico splendore, sono ripartiti i lavori di manutenzione del verde. “All’inizio dell’anno ci siamo aggiudicati 2 bandi per personale aggiuntivo per la manutenzione, che non sono partiti a causa dell’emergenza covid – conclude l’assessore. Anche il concorso per il nuovo cantoniere è purtroppo slittato e abbiamo dovuto appaltare alcuni lavori a ditte specializzate. Alcune potature sono state rimandate all’autunno, ma i lavori stagionali del verde sono a pieno regime”.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Carla Rondano

Carla Rondano
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!