Articolo »

A Palazzo Testafochi

Il Comitato Palio di Moncalvo ha presentato il nuovo fantino

Massimo Columbu difenderà i colori aleatici alla corsa di Asti

Il Comitato Palio di Moncalvo con il nuovo fantino

Nella storica cornice di Palazzo Testafochi, sede del Comitato Palio aleramico, è stato presentato venerdì scorso, 22 luglio, Massimo Columbu, il fantino che vestirà i colori biancorossi al Palio di Asti del prossimo 4 settembre. Columbu, umbro, classe 1974, è uno dei fantini più esperti della piazza che vanta ben 15 partecipazioni al Palio astigiano.

Già nel 2004 sul cavallo Nabucco aveva indossato i colori aleramici mentre il suo miglior piazzamento risale al 2000 quando arrivò al quinto posto in finale per il Borgo Don Bosco. Già lo scorso anno era stato ingaggiato da Moncalvo, scelta confermata anche per quest’edizione dal neo rettore Raffaele Mazzella: “siamo felici di poter avere con noi Massimo Columbu, nostro fantino per il Palio 2022. Lo abbiamo fortemente voluto perché è una persona seria e preparata che ci permetterà di fare una corsa ad alti livelli così come vogliamo e ci auguriamo”.

Veleno II, nome di battaglia di Columbu, ha immediatamente ricambiato le parole di apprezzamento: “Farò di tutto per portarvi una nuova vittoria. Siete uno dei Comitati più vincenti e spero di farvi provare un’altra grande soddisfazione”. Columbu torna al Palio di Asti determinato a dimostrare tutta la sua forza e capacità per agguantare il tanto sospirato successo che a lui manca. E a questo successo è pronto ad accompagnarlo il Comitato Palio moncalvese, mettendolo nelle migliori condizioni possibili per raggiungere l’obiettivo. A tal proposito sono già stati individuati una serie di cavalli pronti per essere utilizzati in piazza Alfieri.

Ma la scelta definitiva sarà presa solo nelle prossime settimane. E’ terminato invece il lavoro della commissione sfilata del Comitato Palio aleramico che ha presentato durante la serata di festa, oltre al nuovo fantino, anche il tema della prossima sfilata. L'argomento scelto è "Una merce preziosa nel medioevo astese: il sale". Il sale ha sempre rappresentato per l'uomo un elemento di fondamentale importanza sia dal punto di vista alimentare sia in altre attività quali farmacologia e la concia delle pelli. In epoca medievale il sale divenne oggetto di controllo fiscale da parte dell'autorità, che ne determinava le procedure di approvvigionamento, il commercio e il consumo.

Giungevano in Monferrato ingenti carichi della preziosa merce, trasportati dai luoghi di produzione su carri o anche in sacchi a spalla lungo le strade e i sentieri d'Appennino e della Langa e poi vendute all'ingrosso o al dettaglio dai ricchi mercanti che se ne erano assicurati l'appalto. “Sarà sicuramente una bellissima sfilata, un grazie al lavoro del nucleo storico del Comitato, ma anche ai tanti nuovi giovani moncalvesi che si sono avvicinati al mondo del Palio e che ci fanno ben sperare nel il futuro”, conclude il rettore Mazzella. Il prossimo appuntamento con il Comitato Palio Moncalvo sarà il 10 agosto durante il tradizionale appuntamento di Castagnole Monferrato dal titolo “Ruchè sotto le stelle”.

Intanto nei prossimi giorni sarà comunicato il programma dei festeggiamenti per la settimana del Palio che vedrà la partecipazione anche del Comitato Palio di Castell’Alfero guidato dal rettore Fabrizio D’Agostino che a inizio giugno aveva presentato il fantino che correrà al Palio del 4 settembre. Si tratta di Gianluca Fais, che aveva già vestito i colori di Castell’Alfero nell’ultimo Palio disputato nel settembre del 2019. La riconferma era arrivata già per il 2020 prima e per il 2021 poi, anni in cui la corsa non è stata fatta.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Paola Brancato

Paola Brancato
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!