Articolo »

Inaugurazione In Commissariato

Il gruppo ANPS (Associazione Nazionale della Polizia di Stato) di Casale intitolato al commissario Mello

«Angelo, un amico per sempre». Presidio gremito per una cerimonia molto toccante

Ci sono stati anche momenti di grande commozione sabato all’inaugurazione, nei locali del Commissariato di Polizia, del gruppo ANPS (Associazione Nazionale della Polizia di Stato) di Casale, intitolato al commissario Angelo Mello, deceduto nel settembre scorso all’età di 57 anni. Dopo il ritrovo, alle 10,30 il vescovo, mons. Gianni Sacchi, nella vicina chiesa dell’Addolorata, ha concelebrato la messa con il cappellano della Polizia di Stato don Augusto Piccoli e il parroco don Angelo Francia. Alle 11,30 è seguita la benedizione della sede con il cortile del Commissariato gremito.

Tra i presenti il questore Michele Morelli, il vice presidente della provincia Federico Riboldi, i vice questori Barbara Romeo, della Scuola di Polizia di Alessandria e Deborah Montenero, comandante della Polizia Stradale di Alessandria, il vice sindaco di Casale Angelo Di Cosmo, i dirigenti del Commissariato degli ultimi trent’anni, poliziotti in servizio e in congedo, rappresentanti dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Locale, delle associazioni d’arma con i rispettivi labari, i famigliari di Angelo Mello (la moglie Sara, le figlie Ilaria e Valentina, i fratelli, le sorelle, la mamma) e tanti amici (in particolare quelli del calcio) e conoscenti di colui che per oltre trent’anni è stata una storica figura del presidio di piazza Statuto.

Dopo che la moglie e le figlie hanno scoperto tra le lacrime la targa ricordo, ci sono stati gli interventi del questore Morelli, del dirigente del Commissariato Carmine Bagno e del presidente della sezione provinciale ANPS Angelo Nese, di Beppe Vona, delegato del gruppo casalese, presentati al microfono dall’ispettore Maurizio Paduano. Toccante anche la lettera ai presenti di Ilaria Mello, così come commovente è stata la canzone cantata da Paolo Bonfanti accompagnandosi con la chitarra: “A parte te”, di Ermal Meta, il brano a cui Angelo Mello, negli ultimi tempi, era particolarmente affezionato. Altrettanto struggente il video che Cristiano Coden - poliziotto della squadra investigativa che aveva lavorato a fianco di Angelo Mello e che ora è il responsabile della stessa squadra - ha montato e trasmesso in sala riunioni.

Una carrellata di fotografie di Mello immortalato sul posto di lavoro e nelle competizioni sportive, in particolare durante tornei di calcio, lo sport che Angelo prediligeva e praticava con assiduità, sulle note di “Amici per sempre” dei Pooh.