Articolo »

Investimenti

L'ex Palafiere di Valenza ospiterà la nuova sede produttiva del Gruppo Damiani

Sorto circa dieci anni fa come polo fieristico è rimasto presto inattivo

La maison Damiani ha intrapreso una nuova fase con l’acquisto dell’ex-Palafiere di Valenza. Una notizia che avevamo anticipato proprio dalla colonne del giornale. Nei giorni scorsi, dopo un lungo percorso burocratico, il Gruppo è diventato proprietario dell’immobile destinato a ospitare la nuova sede produttiva mentre il progetto di rinnovamento e trasformazione prevede altresì la creazione di un museo d’impresa e di una scuola di formazione per orafi e incastonatori.

Sorto circa dieci anni fa come polo fieristico è rimasto presto inattivo e la famiglia Damiani ha deciso di farsi carico della sua rinascita, con un progetto ambizioso sia dal punto di vista imprenditoriale che di riqualificazione territoriale anche con il supporto di Banca Intesa, di B.C.E., della Regione Piemonte e del Comune di Valenza. Con un investimento stimato intorno ai 10 milioni di euro, il sito diventerà un polo d’avanguardia, che dal primo semestre del 2022 racconterà l’eccellenza del brand Damiani, la sua storia, la sua visione contemporanea e il suo ruolo di protagonista nel più importante distretto di alta gioielleria al mondo, quello di Valenza.

«Con questo progetto – spiega Guido Damiani, presidente del Gruppo - vogliamo rafforzare la nostra tradizione produttiva che è iniziata nel 1924 proprio a Valenza con il laboratorio orafo di nostro nonno. Damiani è una delle poche realtà internazionali che continua a disegnare e produrre direttamente i propri gioielli, con la cura e la passione di una bottega artigiana, ma con visione di un Gruppo internazionale e questa nuova sede consentirà alle maestranze di operare in un contesto confortevole, moderno e tecnologicamente avanzato».