Articolo »

Cova, lavori bloccati per l’amianto. Perizia supplettiva per la bonifica

Alcuni manufatti d’amianto rinvenuti durante la ristrutturazione del Cova Adaglio ha costretto l’impresa ad interrompere i lavori. Con determina del 24 agosto è stata approvata la perizia suppletiva e di variante relativa agli interventi di bonifica per il ritrovamento di amianto. Il costo dell’intervento è stato stimato in 145.573 euro ai quali occorre aggiungerne altri 20mila per le attività svolte dagli organi di controllo ASL ed ARPA. Per i tempi di realizzazione dei lavori di bonifica sono stati previsti 45 giorni. A questi bisogna aggiungere tutti i giorni di sospensione dei lavori, che superano i 5 mesi con la conclusione prevista per il 17 agosto 2017 che con ogni probabilità subirà una dilazione. I lavori furono sospesi il 6 aprile per eseguire indagini sulla natura di alcuni materiali contenenti amianto rinvenuti durante la demolizione. Ripresi il 6 luglio per eseguire i saggi sulle murature circostanti i serramenti da rimuovere, i lavori sono stati sospesi il giorno dopo. Sono stati prelevati 53 campioni che hanno rilevato la presenza di fibre d’amianto solo all’interno di alcuni mastici delle finestre, nelle piastrelle di rivestimento dello zoccolino al piano terra e in alcune piastrelle in vinilamianto. Dice il sindaco Titti Palazzetti: «L’amianto è stato rinvenuto solo in piccole quantità, e abbiamo provveduto a sospendere i lavori per affrontare la bonifica. Ora siamo in attesa del nulla osta delle autorità per riprendere la ristrutturazione». Giorgio Demezzi, contrattacca: «In barba alla presunta sussistenza dei criteri di estrema urgenza per giustificare una procedura negoziata senza pubblicazione del bando di gara. Oltre ai 4 milioni di euro previsti per la ristrutturazione del Cova, per l’utilizzo della nuova scuola sarà necessario costruire il famoso cubo, che conterrà anche la palestra, con un ulteriore costo di 2 milioni; opera peraltro non ancora finanziata. Il possibile utilizzo della struttura, di cui si potrà avere l’agibilità, come previsto dai documenti ufficiali dell’ASL,solo al completamento del tutto, cubo compreso, non potrà certamente avvenire prima dell’anno scolastico 2018-2019. Peraltro quest’opera ha penalizzato e ritardato altri lavori importanti, quali il PIP5».

Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Gianni Sacchi

Gianni Sacchi
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!