Articolo »

Solidarietà

Federfarma: iniziativa per la popolazione ucraina

I cittadini potranno acquistare prodotti senza obbligo di ricetta per poi donarli

Giovedì 23 giugno nella sede di Federfarma di Alessandria, si è tenuta la presentazione del progetto a favore della popolazione ucraina che ha sempre più bisogno di farmaci e materiale sanitario: «Si tratta di una azione di sistema, fortemente voluta dai Club Rotary della provincia, che hanno promosso una rete di solidarietà con qualificati soggetti del Terzo Settore come la Croce Rossa e il Banco Farmaceutico Onlus affiancati dalle Farmacie della provincia di Alessandria».

In sostanza, «i cittadini potranno acquistare prodotti senza obbligo di ricetta e materiale sanitario che sarà raccolto dalla CRI e messo a disposizione della popolazione ucraina in grave stato di necessità. Per parte loro i farmacisti doneranno il 30% del ricavato al Banco Farmaceutico che provvederà ad acquistare farmaci etici mediante le sue collaudate modalità che consentono significativi risparmi e sicurezza logistica nella distribuzione».

Presenti alla presentazione oltre al presidente provinciale di Federfarma, Luca Zerba Pagella, e al presidente dell’Ordine dei Farmacisti Marcello Pittaluga, la delegata provinciale della Croce Rossa Patrizia Mauri, il Governatore del distretto Rotary 2032, Silvia Scarrone, e il rappresentante del Banco Farmaceutico Nazionale Onlus, Paolo Coppo.

Zerba Pagella ha presentato il progetto: «L’iniziativa nasce da una collaudata esperienza fra le Farmacie della provincia di Alessandria e il Banco Farmaceutico, ricordiamo il progetto di Recupero Farmaci Validi, che nell’ultimo anno ha raccolto oltre 100mila euro di farmaci, inviati agli enti benefici della provincia. Da questa consapevolezza è scaturita l’idea di mettere insieme le reti di solidarietà già esistenti sul territorio provinciale. In altre parole, i Farmacisti, già operativi in altre iniziative caritatevoli, non sono stati a guardare».

Ha commentato Scarrone: «Per i Rotariani alessandrini e ai prestigiosi soggetti aderenti un sincero ringraziamento insieme alla soddisfazione di veder partire un complesso service utile alle molte persone che soffrono a causa della guerra».

Paolo Coppo ha aggiunto: «Come banco Farmaceutico abbiamo appoggiato questa iniziativa lodevole, nata sul territorio attraverso dei rapporti tra le varie associazioni che operano insieme già da diverso e tempo, e che di fronte a nuovi bisogni si sono mosse per cercare di dare un aiuto concreto alle popolazioni in difficoltà. Noi abbiamo cercato di dare un sostegno, sia a livello locale che nazionale, mettendo a disposizione la nostra esperienza per quanto riguarda la gestione e la logistica dei farmaci».

Ha concluso la Mauri: «A seguito dell'emergenza umanitaria in territorio di conflitto quale l'Ucraina, la CRI non può rimanere indifferente e sostiene la campagna di aiuti promossa con questa iniziativa a livello provinciale! La fuga dall'Ucraina verso altri paesi ha innescato una migrazione di centinaia di migliaia di persone, che cercano rifugio in posti sicuri e in ogni paese la Croce Rossa ha dato una risposta umanitaria tempestiva, anche col nostro territorio può essere di sostegno a chi ha bisogno».


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Giuseppe Sannazzaro Natta

Giuseppe Sannazzaro Natta
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!