Articolo »

Presentazione

Moncalvo si prepara alle due Fiere Nazionali

Il Tartufo Bianco nelle ultime due domeniche di ottobre e il Bue Grasso il 7 dicembre

La Fiera del Bue Grasso tornerà ad inizio dicembre (foto di repertorio)

“L’autunno per Moncalvo è una primavera”. Ha esordito così il giornalista Claudio Galletto nel presentare le due Fiere Nazionali di Moncalvo durante l’incontro tenutosi sabato scorso, 8 ottobre, nella splendida cornice di Orsolina28. I colori, i profumi e i sapori autunnali fanno da cornice a quello che è il periodo dell’anno più atteso e importante per la città aleramica e per tutto il Monferrato. L’autunno infatti regala i prodotti più prelibati e le eccellenze della nostra gastronomia. Re della tavola è la trifola, protagonista della 68ma edizione della Fiera del Tartufo Bianco di Moncalvo in programma le ultime due domeniche di ottobre, il 23 e il 30. Mentre il bollito misto e i giganti bianchi torneranno in piazza Carlo Albero il 7 dicembre, con la 384ma edizione della Fiera del Bue Grasso.

Dopo il saluto di Gilberto Sacchi, responsabile della comunicazione di Orsolina28, che ha ricordato l’importanza che la fondazione che si occupa di tutelare e promuovere la danza dà al territorio e alla natura, il sindaco Christian Orecchia ha parlato delle fiere. “Sappiamo quanto il cambiamento climatico incida negativamente sia sul tartufo che sulla zootecnica, colpita anche dai rincari delle materie prime a causa prima del covid e ora della guerra. Siamo però qui oggi a ricordare quanto sia importante mantenere le nostre trazioni e promuovere le fiere che sostengono tutto l’indotto che ruota intorno sia a i tartufi che all’allevamento”. L’incontro è stata anche l’occasione per ricordare le collaborazioni con gli altri comuni per promuovere il territorio monferrino.

“Stiamo lavorando per una continuità turistica che consenta di attrarre visitatori durante tutto l’anno, non solo nel periodo autunnale ed estivo e che coinvolga anche comuni molto più piccoli del nostro”, ha proseguito Orecchia parlando del progetto “Oro Monferrato” promosso da ATL Langhe, Roero e Monferrato e del Distretto del Commercio “Cuore del Monferrato” che unisce 61 comuni tra astigiano e alessandrino. 

“Novità di quest’anno sarà la tartufaia temporanea allestita in piazza Garibaldi a cura della Proloco, che ha lo scopo di coinvolgere gli avventori facendogli vivere un’esperienza immersiva, sarà sicuramente un ottimo sfondo per le foto ricordo dei turisti che ci faranno visita. Qui sarà possibile fare delle cerche simulate e incontrare alcuni trifolao che sveleranno qualche trucco del mestiere”, ha detto Valentina Toson, segretaria della pro loco, pronta insieme agli altri volontari ad affrontare entrambe le domeniche con tre offerte: il pranzo presso la sede, lo stand gastronomico in piazza e il pranzo degli escursionisti.

“Per me e la mia Commissione questa rappresenta la prima fiera al completo dopo due anni di edizioni ristrette. Quest’anno si torna in piazza con 120 espositori e 65 hobbisti, di cui molti espositori moncalvesi e 26 di funghi e tartufi. Confidiamo nelle piogge dei prossimi giorni, le quantità dei tartufi non saranno esorbitanti ma l’eccellenza sarà garantita”, ha detto con soddisfazione il presidente della Commissione Fiera del Tartufo Bianco, Michele Rampone.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Maurizio Gily

Maurizio Gily
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!