Articolo »

  • 25 luglio 2022
  • Casale Monferrato

Dopo il successo del 2021

Aperte le prenotazioni per la vendemmia didattica

Promosso dall'Ente Turismo Langhe Monferrato Roero

Vendemmia didattica (foto Mikael Masoero - Archivio Ente Turismo LMR)
«In Langhe Monferrato Roero torna la “vendemmia didattica”. Dopo il successo del 2021, da Ferragosto a ottobre i turisti in arrivo sul territorio potranno scoprire i segreti del momento dell’anno che tutti i produttori attendono con entusiasmo e aspettative, in cui i grappoli maturi dell’uva accudita e curata per 365 giorni vengono raccolti e portati in cantina per iniziare il processo di vinificazione e restituire le bottiglie della nuova annata».
 
Lo fa sapere l'Ente Turismo Langhe Monferrato Roero: «Oltre 500 le esperienze che hanno coinvolto sul territorio i turisti nella prima edizione del progetto un anno fa, nel mese di settembre. Pensato per promuovere ulteriormente l’enoturismo, la “vendemmia didattica” nasce da un’idea di Ente Turismo Langhe Monferrato Roero e viene gestito operativamente da Piemonte On Wine, con l’obiettivo di implementare, differenziare e migliorare il prodotto enoturistico sul territorio, oltre ad aumentare l’attrattività globale della destinazione. L’attività è quindi disponibile su prenotazione al Wine Corner di Piemonte On Wine®, il servizio gratuito di prenotazione di visite e degustazioni in cantina gestito da Ente Turismo Langhe Monferrato Roero».
 
Come si svolge la vendemmia didattica? «Innanzitutto si tratta di un’attività principalmente ludica, che permette a coppie, gruppi e famiglie con bambini di partecipare a uno dei momenti più significativi del mondo vinicolo e di conoscere le realtà delle aziende a conduzione familiare. Un viaggio immersivo, che inizia con l’accoglienza in cantina e prosegue nel vigneto con l’introduzione alla vendemmia. Il momento centrale dell’attività è la raccolta dell’uva a fianco dei produttori, fino a concludere i lavori con la visita in cantina e la degustazione dei vini».
 
L’esperienza di “vendemmia didattica” «può essere inoltre abbinata a uno o più servizi aggiuntivi proposti dalle cantine, come la colazione di benvenuto, la degustazione di prodotti tipici locali, perfino intrattenimento e attività di outdoor o benessere, tra cui lo yoga in vigna. Lo svolgimento della vendemmia didattica è regolamentato da uno specifico disciplinare redatto da Ente Turismo al fine di concretizzare la normativa ministeriale vigente che regola le attività enoturistiche. Il disciplinare, inoltre, stabilisce criteri e standard di sicurezza e di qualità condivisi con le cantine».
 
I tempi della vendemmia sono dettati da numerose variabili, «tra cui il clima che in Langhe Monferrato e Roero, così come nel resto d’Italia, quest’anno è stato molto caldo. In linea di massima, le prime uve a essere staccate in agosto sul territorio saranno quelle di Chardonnay e Moscato bianco, per passare a tutti gli altri vitigni a bacca bianca, tra cui i principali sono Nascetta, Favoritae Arneis. A seguire toccherà ai grappoli del Dolcetto, vitigno che dà il via alla raccolta dei neri, seguito da Brachetto, Grignolino, Pelaverga, Freisa, Ruchè, Barbera e Malvasia. A chiudere la vendemmia è il Nebbiolo, il vitigno da cui nascono i grandi rossi del territorio: Barolo, Barbaresco e Roero».

Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Paola Brancato

Paola Brancato
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!