Articolo »

  • 20 settembre 2017
  • Casale Monferrato

È di Chiara l’idea migliore dei Falling Walls del Sobrero

Ha presentato il progetto: “Breaking the Wall of Unsustainable Unreliable Turboengines”

Prestigioso evento sabato all’Istituto Superiore “Sobrero” di Casale, dove è stato ospitato il Falling Walls Lab 2017, il progetto internazionale finalizzato alla selezione delle migliori idee innovative presentate da giovani talenti in tutte le aree disciplinari.

Si è trattato di una giornata di selezione aperta a ricercatori, i quali, sotto lo slogan “great minds, 3 minutes, 1 day”, hanno avuto tre minuti di tempo per esporre la loro idea innovativa per strappare un biglietto per la finale di Berlino, il 7 novembre, sfidare così i semifinalisti di tutto il mondo (75 i Paesi partecipanti) e assistere alla conferenza con i più importanti scienziati del panorama internazionale. La finalità dell’iniziativa è quella di far incontrare e confrontare menti aperte, creative, capaci di pensare ed elaborare soluzioni a problemi anche di vita quotidiana; idee in grado di innovare e dare concreta utilità in tutti i campi del sapere e del fare, dalla medicina all’agricoltura, dall’economia alle materie umanistiche e oltre. Sono stati 9 i candidati partecipanti all’edizione italiana 2017 svoltasi a Casale, provenienti dal centro nord d’Italia. Sul podio tutte quote rosa per «rompere il muro».

Prima classificata è stata Chiara Gastaldi, del Politecnico di Torino che ha presentato il progetto: “Breaking the Wall of Unsustainable Unreliable Turboengines”. Si tratta dell’ideazione di particolari smorzatori da applicare su motori aerei e turbine per produrre energia elettrica a minor costo con maggiore sicurezza: «Evitano le rotture, consumano meno e sono più leggeri», ha sintetizzato la giovane ricercatrice cuneese. Chiara ha 28 anni, abita a Mondovì e, da qualche anno, è impegnata nel gruppo di ricerca Air Mec Lab in cui, tra gli altri, è stata la ricercatrice che ha dedicato maggiori tempo ed energia alla realizzazione del progetto che, al merito, ha già suscitato l’interesse e il contatto di aziende del calibro dell’Ansaldo e della General Elettric. Chiara sarà l’unica italiana a partecipare alla finale di Berlino.

Seconda classificata Paola Alberti dell’University of Milano Bicocca che ha presentato “Breaking the Wall of Chemotherapy Induced Peripheral Neurotox” e, terza classificata Alessia Patrucco del CNR Ismac con “Breaking the Wall of Biomaterials from Wool and Hair Wastes”. Alle vincitrici sono andati rispettivamente: 300 euro in denaro oltre al viaggio a Berlino, 150 euro e prodotti tipici, 100 euro e prodotti tipici.

Sono stati membri dell’organizzazione Ruggero Vigliaturo, Davide Noviello, Beatrice Degiovanni, il dirigente scolastico del Sobrero Riccardo Rota e la referente Maria Grazia Gatti, docente dell’Istituto. In giuria: Ruggero Vigliaturo del National Institute of Chemistry Ljubljana Slovenia, Dino Gavinelli dell’Università di Milano, Alessandro Gualtieri dell’Università di Modena e Reggio Emilia, Mauro Giorcelli del Politecnico di Torino, Marco Parachini del Biochemtex Mossi&Ghisolfi Group e Maria Pantano dell’Università di Trento. Contestualmente all’evento Falling Walls Lab 2017, i membri dell’organizzazione hanno programmato la presentazione degli ultimi progetti presentati al FAST (Federazione Associazione Scientifiche e Tecnologiche) dagli studenti liceali dell’indirizzo di Scienze Applicate. In particolare, nel 2017, alcuni studenti del 3°, 4° e 5° anno sono stati selezionati per i progetti: “Il Blu di Prussia: un alleato contro la radioattività e l’inquinamento ambientale” (selezione al Genius Olympiad, per problemi ambientali a Oswego, Ny, Usa) e “Nanozimi: particelle inorganiche che imitano gli enzimi” (selezione al Far East a Tisf Taipei). Così il dirigente Rota: «Il Falling Walls Lab è un’ulteriore occasione per il nostro Istituto e per il territorio, finalizzata ad offrire opportunità di visibilità e ricaduta internazionali. In particolare, per l’Istituto si tratta altresì di un successo in contesti internazionali a premiare la qualità dei percorsi formativi applicati». Presenti alla giornata, anche l’assessore casalese alla Pubblica Istruzione Ornella Caprioglio, il parlamentare Fabio Lavagno e il consigliere Federico Riboldi.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Roberto Remorino

Roberto Remorino
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!