Articolo »

Crisi

Ex lavoratori Cerutti: niente cooperativa

«Ora la necessità di aprire un altro tipo di percorso di reinserimento»

«Il comitato promotore per la costituzione della cooperativa ex dipendenti Cerutti nel comunicare il proprio scioglimento, con rammarico comunica altresì che non si sono realizzate le condizioni per costituire una cooperativa che potesse reimpiegare il maggior numero possibile di ex dipendenti Cerutti così come auspicato».

Lo fanno sapere proprio i rappresentanti del comitato: «Le ragioni che hanno portato a questa dolorosa scelta, malgrado fossero ancora in essere le condizioni determinate dall'accordo sindacale del giugno scorso (in particolare la disponibilità della Bobst ad ottemperare alle condizioni sottoscritte), il fattore tempo ha giocato un ruolo fondamentale: causa i continui rinvii per l'assegnazione definitiva dell'asta, si è ridotto il numero di lavoratori interessati alla costituzione della cooperativa che ricordiamo aveva come obiettivo primario la costituzione di una società che potesse iniziare a lavorare fin da subito (grazie al predetto accordo) all'assemblaggio di particolari costruttivi nell'ambito della produzione di macchine rotative per la stampa, rendendo impossibile sostenere i costi per le relative infrastrutture necessarie a soddisfare questa condizione».

«Corre l'obbligo di ringraziare tutti coloro che ci hanno supportato in questi mesi, anche dal punto di vista umano, cosa rara di questi tempi e che pertanto ci preme sottolineare, a partire dalla Lega Coop, in particolar modo nella persona della responsabile di zona, Barbara Daniele, del suo presidente regionale, Dimitri Burzio, e dei tecnici messi a nostra disposizione, in particolare il dottor Andrea Massone; nel ricordare che tutto questo percorso è stato possibile grazie al progetto della regione Piemonte denominato MIP (mettersi in proprio), il ringraziamento va alla struttura tecnica messa a disposizione dall'Assessorato al lavoro».

«Ringraziamo inoltre FIOM CGIL, UILM UIL e FIM CISL provinciali per averci supportato fin dal primo momento e la Bobst che ci è sempre venuta incontro per tentare di soddisfare ogni nostra richiesta. In ultimo a tutti i lavoratori che ci hanno sostenuto, anche a coloro che nel corso di questi mesi hanno trovato altra occupazione. Mentre per tutti coloro che non ne hanno ancora trovata una nuova oltreché per coloro che insieme a noi hanno cercato fino in fondo di creare le condizioni per costituirla, nell'auspicare una soluzione positiva, si manifesta ora la necessità di aprire un altro tipo di percorso di reinserimento».


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Ferruccio Battaglia

Ferruccio Battaglia
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!