Articolo »

  • 11 gennaio 2022
  • Casale Monferrato

Un bilancio dell'annata appena conclusa

Parla Nicola Roggero: «Un 2021 davvero sorprendente per lo sport azzurro»

Il commento del giornalista casalese di Sky Sport

Insieme all'uomo più veloce del mondo. Nicola Roggero (insieme a Cristiana Buonamano) con Marcell Jacobs al Galà dell'Atletica

Chi meglio del giornalista casalese e volto di Sky Sport Nicola Roggero poteva raccontare le incredibili gesta di un anno sportivo davvero unico per i colori azzurri. Un 2021 che si è chiuso da qualche giorno e un 2022 che è appena iniziato. Recentemente è stato presentatore (insieme alla collega Cristiana Buonamano) degli Atletica Italiana Awards e sul palco sono salite le medaglie d’oro delle Olimpiadi di Tokyo.
Con Roggero abbiamo tracciato un bilancio di un 2021 davvero da urlo per il tricolore in ogni disciplina, guardando al Monferrato.

Roggero ci definisca con un aggettivo la stagione sportiva che si è appena conclusa…
Definirla con un solo aggettivo non è semplice ma direi sorprendente. Un bottino nel medagliere a cinque cerchi davvero “ricco”. Oltre ogni attesa soprattutto per quel che riguarda le cinque medaglie dell’atletica, poi chiaramente spazio agli Europei di calcio, alle vittorie continentali nel volley, la qualificazione ai Giochi dell’Italbasket, le gioie negli sport invernali, il nuoto che rimane sempre ai vertici internazionali...insomma una stagione indimenticabile.

L’estate azzurra è iniziata con la vittoria agli Europei di calcio. E adesso l’Italia rischia di non qualificarsi ai Mondiali del Qatar.
L’impresa della squadra di Mancini resta comunque, in un momento complicato per il calcio nostrano, un campionato di Serie A che non è considerato di vertice, le cui squadre fanno fatica nelle coppe europee. Il gioco messo in campo dall’undici azzurro è stato comunque formidabile, soprattutto in occasioni particolari come nella partita contro il Belgio. 

Due ori a pochi minuti di distanza. Domenica 1° agosto 2021 verrà ricordata per molto tempo.
È la più bella giornata per lo sport italiano! Una concentrazione di emozioni in venti minuti. Da una parte la vittoria di Marcell Jacobs nella gara regina dell’atletica, ossia i 100 metri e dall’altra l’oro condiviso da Gianmarco Tamberi e il qatariota Mutaz Barshim, nel salto in alto. Non dimentichiamoci però della staffetta 4 x100...

Parliamo sempre di atletica, più di “casa nostra”: com’è stato l’anno dell'ostacolista Paolo Dal Molin?
Paolo ha avuto una grande stagione, vincendo il bronzo agli Europei Indoor di Torun, ma la cosa più importante è che abbia concluso l’anno senza problemi fisici. Ha messo in mostra il suo grande valore, comprendendo quale distanza sia giusta per lui. Ha fatto passi in avanti anche nel limitare la sua esplosività allo start.

Nel 2021 è tornato in Monferrato per presentare il Premio Liedholm, assegnato a Stefano Pioli.
È un premio che stimo molto, perché valuta positivamente le qualità morali del personaggio. Pioli è una figura in linea con l’impostazione della manifestazione e sta facendo grandi risultati con il Milan. Nel 2019 ho apprezzato anche lo sdoppiamento del premio che è andato a Claudio Marchisio per il calcio e a Sara Simeoni, la più grande dell’atletica.

2022: ripetersi non sarà facile…
Soprattutto nell’atletica e nel calcio, con Tamberi e Jacobs ancora una volta protagonisti.
La Nazionale di mister Mancini deve ancora qualificarsi ai Mondiali 2022 e poi ci sono le Olimpiadi invernali, dove vedo una Sofia Goggia come nome appetibile per una medaglia in discesa libera.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Paola Brancato

Paola Brancato
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!