Articolo »

Domenica 19 luglio

Il borgo di Leri Cavour riapre alle visite guidate

L'iniziativa "Andar per Borghi e Castelli" con Moncrivello

Domenica 19 luglio prenderà il via il progetto turistico-culturale “Andar per Borghi e Castelli” ideato e promosso dalla Bieffepi Consulenze Eventi e Manifestazioni per far conoscere e scoprire le eccellenze artistiche del territorio, creando sinergie tra le stesse. 

Questo primo appuntamento offrirà ai partecipanti la possibilità di accedere a due magnifiche location vercellesi tramite il pagamento di un unico biglietto (10,00 euro): castello di Moncrivello e villa del conte Cavour nel borgo di Leri. L’accesso alle due strutture verrà garantito e curato direttamente dalla proprietà del castello, per quanto riguarda Moncrivello, e dai volontari dell’Associazione L.E.R.I. CAVOUR, per quanto concerne il Borgo di Leri.

L’evento consentirà di effettuare una visita guidata (della durata di circa 40/45 minuti a location), iscrivendosi ad uno dei turni programmati (dalle 10.00 alle 17.00 circa). I partecipanti potranno indifferentemente scegliere quale location visitare per prima, tenendo conto del tempo necessario per lo spostamento da un luogo all’altro (circa 20 minuti d’auto).

Nel rispetto delle disposizioni post emergenza Covid-19, il numero massimo di partecipanti a ciascun turno di visita non potrà essere superiore a venti. Maggiori informazioni e dettagli per l’iscrizione sono disponibili al seguente link: https://www.bieffepi.com/prossimi-eventi/ludovisite/andar-per-borghi-e-castelli. Ricordiamo, infine, che una parte del ricavato della vendita dei biglietti verrà devoluto all’Associazione L.E.R.I. CAVOUR, sorta nell’inverno scorso a Trino proprio con l’intento di promuovere la salvaguardia del Borgo di Leri, e verrà utilizzato per le prime azioni di recupero dello storica grangia appartenuta al conte Cavour. Questo evento costituisce, infatti, la prima iniziativa pubblica messa in campo dalla neonata associazione, dopo che nei mesi scorsi i volontari hanno iniziato le operazioni di pulizia di alcuni spazi del Borgo di Leri. Gli stessi volontari stanno inoltre raccogliendo le adesioni per la campagna nazionale dei Luoghi del cuore del FAI. «Come associazione stiamo cercando di prenderci in carico un bene importante come il borgo di Leri Cavour - ha spiegato Roberto Amadè - per quel che riguarda la sua tutela, il recupero e il rilancio che ci auguriamo possa avvenire al più presto. Credo che possa diventare un luogo senza eguali dal punto di vista culturale, ma per questo c’è bisogno davvero di tutti. Per fare questo stiamo anche promuovendo la campagna del FAI per i luoghi del cuore che offre la possibilità di poter ottenere 50 mila euro per i lavori di restauro. Speriamo davvero che questo possa essere l’inizio di una bella avventura». 

Fondata da Roberto Amadè, Marianna Fusilli e Luciano Vigani, l’Associazione L.E.R.I. CAVOUR , acronimo di Laboratorio Educativo Risorgimentale Italiano, è nata più di un anno fa con l’intento di tutelare Il Borgo di Leri, celebre residenza estiva del Conte Camillo Benso, che versa ormai in stato di totale abbandono ed è spesso nel mirino dei vandali. Nel febbraio scorso era stata anche inaugurata la sede in corso Italia 28 a Trino (nella foto). Con la giunta Ravasenga, al prezzo simbolico di 1000 euro, il borgo era tornato nella proprietà del Comune.  


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Renato Luparia

Renato Luparia
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!