Articolo »

Dal 9 settembre

Tutto il mondo al Sobrero contro l’amianto

L’Istituto casalese ospiterà una convention internazionale su amianto e minerali fibrosi

Si prospettano cinque giorni di intensa attività per l’Istituto Sobrero, che dal 9 al 13 settembre, ospiterà la Scuola EMU 2019 (European Mineralogical Union School), quest’anno dedicata a ‘Naturally occurring asbestos (NOA): from geological to medical aspects’.

«Il NOA –spiega Gualtieri, Direttore del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia- è diventato un problema di salute pubblica globale dopo la pubblicazione di prove scientifiche sull’aumentato rischio di mesotelioma maligno nella popolazione esposta all’amianto rilasciato nell’aria da eventi naturali o da interventi antropici. In particolare, la presenza di NOA nell’ambiente deve essere tenuta in debito conto in tutte le attività umane che determinano interventi di bonifica e ingegneristici/geologici nell’ambiente naturale».

L’evento, nato dalla collaborazione delle Università di Modena e Reggio Emilia, di Torino con il Centro Interdipartimentale per lo Studio degli Amianti e di altri Particolati Nocivi “Giovanni Scansetti” e della University of Pennsylvania, è patrocinato dei Comuni di Casale Monferrato e di Trino, con la collaborazione di numerose aziende ed associazioni, quali Monferrato Oltre il Mesotelioma, Afeva, Vitas, Rotaract e Lions Host.

Commenta il dirigente scolastico Riccardo Rota: «Parteciperanno all’evento esperti, ricercatori e docenti universitari di fama internazionale, provenienti, oltre che dall’Italia, da Stati Uniti, Australia, Austria, Ucraina e molti altri paesi: la ricerca scientifica sull’amianto e sui minerali fibrosi sarà oggetto di una trattazione multidisciplinare rivolta a studenti in possesso di un solido background in Biologia, Geologia, Scienza dei Materiali, Medicina e Fisica che intendono spendere a servizio della protezione ambientale e della salute pubblica».

La scuola, infatti, permetterà loro di svolgere attività pomeridiane che li metteranno a diretto contatto con i metodi sperimentali per lo studio delle fibre minerali: «Inoltre, effettueranno visite guidate nella cava di amianto di Balangero e nei “luoghi della resilienza casalese”, il Parco Eternot e l’Aula Amianto, e prenderanno parte a vere e proprie tavole rotonde di Networking. Queste ultime promuoveranno un aperto confronto fra tutti i partecipanti: studenti, docenti, ricercatori, giornalisti, medici, epidemiologi e cittadini con diversi background culturali ed esperienze di vita, i quali potranno confrontarsi con una realtà internazionale e locale sia sotto l’aspetto scientifico sia sotto l’aspetto umano».

Ci sarà anche la visita al Rettorato dell’Università di Torino e alla centrale nucleare Fermi di Trino, come commenta Ruggero Vigliaturo, Postdoctoral Research Fellow, Department of Earth and Environmental Science University of Pennsylvania, Philadelphia, USA: «Sono molto lieto che il comitato organizzatore della scuola EMU, il comune di Trino e Sogin (la società responsabile della disattivazione della centrale nucleare E. Fermi), abbiano firmato un accordo per offrire questa opportunità unica ai partecipanti della EMU School».


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Gianni Colonna

Gianni Colonna
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!