Articolo »

  • 07 agosto 2020
  • Casale Monferrato

Il progetto “CasaleSì”

Otto start-up monferrine per guardare al futuro

Riguardano i settori di cinofilia, turismo, artigianato e ambiente

Ieri mattina, giovedì 6 agosto, all’agenzia formativa ‘Baronino’ del For.Al di Casale, si è tenuta la presentazione delle new start up che hanno superato le selezioni nell’ambito di “CasaleSì  Start-Up In Monferrato”, progetto promosso dall’agenzia formativa For.Al e  dall’associazione Job Academy, con il patrocinio del Comune di Casale, il prezioso contributo della Camera di Commercio di Alessandria e la collaborazione con Confartigianato Alessandria. La voglia di ripartire, di creare rete e di creare realtà moderne, innovative e soprattutto servizi fruibili dal territorio hanno spinto tanti giovani del territorio a candidarsi partecipando all’iniziativa con progetti validi e presentati in modo esemplare e non è stato quindi facile scegliere quali accogliere nel percorso.

Le otto start-up selezionate, che riguardano i settori di cinofilia, turismo, artigianato e ambiente, e che sono state presentate da giovani del territorio provinciale, inizieranno nei primi giorni di settembre a frequentare le lezioni, a confrontarsi e a muovere i primi passi nel mondo del lavoro: si tratta di Riccardo Guardona ha proposto la start up “Dog Inside” , Ambra Pegorari “Le Peg - laboratorio sartoriale”, Enrico Capriata e Matteo Derizio “DgR dislocation greenhouse”, Michael Primo “MisticallInteractive - Software house”, Luisa Buzzi e Thomas Krezel “Il capannone eco-camping”, Jacopo Fasciolo “Outdoor Monferrato”, Andrea Ferrero “Sotto Ca’ Maria” e Teresa Ubertis “Adagio con brio”. 

«Auguro a tutti – ha esordito la direttrice dell’agenzia formativa di Casale, Patrizia Melanti, che ha portato altresì i saluti del direttore generale For.Al, Veronica Porro – un percorso iniziale in salita e che possiate portare a termine la vostra idea. Le start up rientrano in settori “giovani” e coniugabili tra loro: da settembre condividerete l’incubatore di questo progetto».

Incubatore digitale

CasaleSì è infatti un incubatore digitale che si pone l’obiettivo di stimolare la creazione di impresa e creare valore nel territorio promuovendo la valorizzazione dei talenti, attraverso la creazione di un percorso specifico di formazione e di accompagnamento dei giovani supportandoli nella realizzazione delle proprie idee imprenditoriali. L’incubatore offrirà al neo imprenditore un percorso completo. «Ho una squadra meravigliosa – è il comento del presidente For.Al, Alessandro Traverso – qui c’è gente che lavora con passione e che mi ha contagiato. Dopo la salita ci sarà la discesa: un percorso magari duro all’inizio, ma vi auguro di raccogliere i frutti».

«Ci sono giovani con voglia di fare – ha aggiunto il presidente del Consiglio comunale di Casale, Fiorenzo Pivetta – compito del Comune è sostenere chi ha volontà di mettersi in gioco e sostenere queste iniziative affinché diventino regolari». Il sindaco di Casale Federico Riboldi ha sottolineato come si siano «messe in campo tutte le energie per unire formazione e impresa», ringraziando For.Al per la «consueta disponibilità». «È un piacere finanziare progetti come questo, con il supporto professionale come quello del For.Al mi auguro possiate sfruttare al meglio questa occasione» è il commento di Simona Gallo, funzionario della Camera di Commercio, mentre Piero Gulminetti di Confartigianato ha auspicato, in merito alla partecipazione dei vari attori, che «il progetto sia l’inizio di questo sodalizio». Miriam Manassero di Job Academy, che ha condotto la presentazione, ha annunciato che «le lezioni inizieranno lunedì 7 settembre» e ha sottolineato l’importanza di seguire in presenza gli incontri, ricordando comunque che per chi non potrà presenziare ci sarà la possibilità di seguire le lezioni in videoconferenza.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Don Pier Lupano

Don Pier Lupano
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!