Articolo »

Un'asteroide per il moncalvese Piero Messidoro

Moncalvese di origine Piero Messidoro, direttore tecnico dell’azienda produttrice di attrezzature spaziali per l’Italia Thales Alenia Space, da martedì scorso non è più soltanto il nome di un noto esperto in ambito astronomico ma anche di un asteroide che dista dalla terra 217,4 milioni di chilometri e presenta un diametro stimato in 15,3 chilometri. Ad applaudire alla consegna a Messidoro dell’‘Oficial Certificate’ dell’asteroide 24856 a lui intitolato è stata martedì una affollata sala consiliare nella quale si è discusso di grandi passioni ‘spaziali’ oltre che dell’importanza della ricerca nel campo dell’astronomia. A sedere sulla poltrona del sindaco, accanto al primo cittadino Aldo Fara, è stata l’astrofila Maura Tombelli di Montelupo Fiorentino la quale, astronoma di passione e non di professione, ha scoperto presso l’Osservatorio di Asiago Cima Ekar due asteroidi i cui nomi resteranno per sempre legati alla città moncalvese. Il primo di questi è stato il 15360 intitolato alla stessa città monferrina attraverso la consegna della carta durante la scorsa Fiera del Tartufo mentre il secondo, l’asteroide 24856, ha preso il nome del collega di esperienze astrofile Piero Messidoro. «E’ un onore grande per me – ha commentato Maura Tombelli - che questo asteroide abbia un nome così gradito e ringrazio Moncalvo per la sua grande capacità di accoglienza dimostrata in queste occasioni». Messidoro, emozionato di trovarsi nella sua città natale, ha ripercorso i suoi legami con Moncalvo. «Mio padre Clemente ha prestato servito come maresciallo a Moncalvo nel dopoguerra conoscendo in questa città mia madre, Vilma Zanello, una moncalvese conosciuta da tutti come la sarta del Fosso». In sala, martedì, vi era un altro monferrino d’origine: il prof. Giorgio Palumbo dell’Università di Bologna, con radici monferrine di Cardona di Alfiano Natta il quale ha sottolineato «il grande valore della ricerca spaziale». Fara ha proposto di concedere la cittadinanza onoraria a Piero Messidoro. Nel frattempo i molti membri del Lions Club Moncalvo Aleramica presenti alla cerimonia hanno anche preso accordi per la promozione di iniziative a partire dai rapporti tra la città, Messidoro e Maura Tombelli. Lo stesso Messidoro ha ringraziato tutti coloro che lo sostengono nella sua passione astronomica soffermandosi, con una battuta, che chiama in causa la posizione dell’asteroide a lui intitolato, sul continuo sostegno avuto da parte della moglie Flora. «Mi dice sempre che sono sulla Luna, da oggi dovrà dirmi che sono tra Marte e Giove».