Articolo »

Concerto a Solonghello

Romain Leleu e i “Convergences” per “Armonie in Valcerrina”

Grande trombettista, strepitoso quintetto d’archi

Il terzo appuntamento di Armonie in Valcerrina 2019, programmato per sabato 27 luglio alle 17 sarà anche quest’anno a Solonghello, in bella posizione panoramica, attiguo all’elegante dimora di Casa Crova. Verso le 16,30 entrerà in funzione la navetta che porterà gli spettatori dall’ampio parcheggio, lungo la ripida e suggestiva stradina (che qualche ospite percorre solitamente a piedi), al sito dove sarà aperta l’ampia tensostruttura con centinaia di posti (ingresso libero).

Sul palco salirà il solista di tromba Romain Leleu con l’Ensemble Convergences, un quintetto d’archi francese composto da Cècile Agator (violino), Cecile Peyrol (violino), Sophie Grosseille (viola), Renaud Guieu (violoncello), Yann Dubost (contrabbasso) tutti provenienti da importanti orchestre.

L’Ensemble è stato creato e selezionato da Romain Leleu, considerato uno dei migliori trombettisti classici della sua generazione.

Nato a Lille nel 1983, a 15 anni entra al Conservatorio Nazionale Superiore di Parigi, si diploma nel 2003 con il massimo dei voti e gli viene assegnato il premio Chamber Music. Successivamente si perfeziona con R. Friedrich e inizia la sua carriera di solista con varie orchestre, fra cui la Nazionale di Lille, la Filarmonica di Marsiglia, la Sinfonica di Nancy, l’Hermitager di San Pietroburgo.

Con l’Ensemble Convergences è ospite abituale di famosi festival internazionali come quelli di Mentone, di Montpellier, Vezer, il Radio Classique Olympia e la Salle Gaveau di Parigi. Si esibisce regolarmente in musica da camera con Thierry Escaich, Oliver Vernet, Laurent Lefevre. La sua discografia comprende pubblicazioni con varie etichette fra cui Apartè, Indesens, Sony.

Romain Leleu è docente in corsi di perfezionamento in Francia e in Accademie Internazionali.

Il programma del concerto

Per l’esibizione di Solonghello, Leleu presenta un programma di brani di musica leggera di compositori moderni, ma che sono ormai inseriti nel repertorio di orchestre di musica classica.

Si inizierà con Aguas de Marco una celebre bossanova del musicista e poeta brasiliano Antonio Carlos Jobim.

Dello stesso compositore verrà anche eseguito “Chega de Saudate”, bossanova del 1987. Seguirà “Youkali”, l’unica canzone nota di Kurt Weill composta nel 1934 sul ritmo di tango-harbanera.

Leonard Berstein, compositore, direttore d’orchestra, pianista eccellente, è considerato a ragione uno dei più grandi musicisti americani di tutti i tempi. In effetti, le sue opere sono costantemente in cartellone in tutto il mondo. Dalla sua West Side Story, verrà eseguito “America” uno dei pezzi più suggestivi. Con J. Turina si tornerà in Europa, più precisamente in Spagna, patria delle corride che ispirarono il musicista all’Oracion del Torero, interpretata dalla tromba di Leleu che poi suonerà una Fantasia dalla Carmen di  Bizet. Ennio Morricone ha composto colonne sonore per oltre 100 film, molti di grande successo. L’ensemble Convergences presenterà la toccante melodia d’amore di Nuovo Cinema Paradiso di Tornatore. Seguirà l’Adagio pour cordes, la composizione più importante del musicista americano Samuel Barber. Ancora brasiliano l’autore di Manha de Carnaval di Luiz Bonfà, una canzone resa famosa dall’interpretazione di Perry Como.

Chiuderà il concerto un altro celebre brano sudamericano, “Libertango” di Astor Piazzolla.

Registrato a Milano nel 1974, il celebre tango nel 1998 ha vinto il  Grammy Award come migliore composizione strumentale dell’anno.