Articolo »

Amministrazione comunale

Vignale: la riqualificazione del muro di piazza Italia

Dopo dieci anni di attesa il progetto verrà realizzato

Dopo oltre dieci anni di tentativi, proposte, idee e ricerca di finanziamenti, la ristrutturazione del muro di contenimento di piazza Italia ha un progetto e, soprattutto, un contributo di 450mila euro dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti per la sua realizzazione.

Il dossier progettuale è stato presentato sabato in presenza dei proprietari delle abitazioni che insistono su quella che, storicamente, componeva la cinta muraria del borgo antico: presenti, oltre al Sindaco Tina Corona, l'Ingegnere Roberto Sperandio di Torino - incaricato alla redazione dello studio di fattibilità, il geologo Massimo Castellaro, il tecnico comunale Federica Gazzetta e il Segretario Sante Palmieri.

Punti focali della completa riqualificazione dell'area di Piazza Italia saranno, oltre alla facciata muraria, il recupero del Belvedere attiguo e l'annosa questione concernente l'area ecologica presente, la cui ubicazione dei cassonetti è discussa da molti anni. Il progetto consentirà, dunque, di "creare" un Belvedere a valle con marciapiede rivestito, panchine, aiuole, lampioni e barriera cordonata.

Riguardo la componente "a monte", ossia la cinta, il progetto ha dovuto affrontare una situazione estremamente eterogenea, con parti in muratura, vuoti, presenza di volatili che vi accedono e, in particolar modo, i cosiddetti discendenti, ossia la rete idrica e fognaria parzialmente incassata al suo interno. 

La ristrutturazione sarà modellata su un analogo intervento operato a Diano D'Alba, nelle Langhe - dove sono tipiche le strutture di contenimento rivestite in muratura e in tufo e che negli scorsi giorni alcuni amministratori hanno effettuato un sopralluogo: la parete verrà scoperta e ripulita e si procederà con la sabbiatura e il rivestimento con il betoncino colorato. Il risultato, a intervento concluso, sarà un muro non liscio, ma grezzo, mosso e puntinato con varie sfumature di ocra.

Ulteriori lavori interesseranno il rifacimento uniforme dei portoni e dei garage dei privati, la chiusura dei fori finalizzata all'allontanamento dei piccioni, il rivestimento delle luci insistenti sulla parete e la verifica dei discendenti: a tal riguardo è stata effettuata ieri dal geologo Castellaro un'apposita indagine endoscopica con georadar.

Per quanto riguarda, infine, il "destino" dell'isola ecologica si opterà in futuro non solo su una sistemazione alternativa ma anche sull'impatto visivo: in discussione è, infatti, la proposta di una copertura lignea, particolarmente diffusa in alcuni comuni turistici di montagna.

L'inizio dei lavori in Piazza Italia è previsto nel mese di ottobre, successivamente alla presentazione ufficiale dello studio di fattibilità nonché del progetto definitivo e di quello esecutivo a settembre. La durata del cantiere è stata stimata in sei mesi.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Don Pier Lupano

Don Pier Lupano
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!