Articolo »

La ristampa della pubblicazione

Presentati gli Statuti del Comune di Gabiano

Inaugurazione dei lavori di riqualificazione di piazza Europa

La presentazione della ristampa degli Statuti del Comune di Gabiano

Domenica scorsa il triplice appuntamento pomeridiano del Comune di Gabiano ha avuto due momenti di ‘recupero della memoria’ del paese della Valcerrina, in aggiunta all’inaugurazione dei lavori di riqualificazione di piazza Europa.

Il primo, come già era stato annunciato in precedenza, è stata la intitolazione di una via alla medaglia d’oro al valor militare, Luigi Seggiaro, il tenente gabianese passato per le armi dai tedeschi a Cefalonia il 22 settembre 1943 a 38 anni perché ‘reo’, insieme ai commilitoni della Divisione Acqui e ai presidi dei Reali Carabinieri, della Regia Marina e della Guardia di finanza, di avere difeso con le armi l’onore d’Italia dopo l’8 settembre del 1943.

In questo modo è mutata l’intitolazione di viale Roma, sotto il Castello, che anticamente era denominato il ‘Mercato delle bestie’. La targa della nuova via, il cui cambio di denominazione è stato deciso d’amministrazione comunale su impulso del sindaco Domenico Priora, è stata scoperta da Claudio Marcato, scrittore e storico. Era stato lui alcuni anni fa a realizzare la pubblicazione, a cura del Comune di Gabiano e del Lions Club Valcerrina, dell’opera “Luigi Seggiaro – Una storia di ordinario eroismo” andando sulle orme di Seggiaro con la collaborazione di Edi Trentin, ricostruendo così la vita del Caduto attraverso la testimonianza della nipote Luisa Garino, prematuramente scomparsa, che gli fornì copia di fotografie e lettere inedite. Adesso il nome del martire di Cefalonia rimane fissato ad imperitura memoria nel suo paese natale, grazie anche a quell’opera di recupero della memoria colloca nella giusta dimensione il suo sacrificio per la Patria.

Un secondo momento, anch’esso di forte significato per il recupero della memoria è stato la presentazione della ristampa degli Statuti del Comune di Gabiano, avvenuta nella sala polivalente alla presenza, oltre che del sindaco, del presidente dell’Unione dei Comuni della Valcerrina, Fabio Olivero, dell’archivista della Curia vescovile Manuela Meni e di don Luigi Calvo, studioso e parroco di Varengo, autore di diverse pubblicazioni storiche che già li aveva tradotti nel lontano 1989. Da allora di acqua ne è passata molta ed essendo ormai introvabili don Calvo ha ritenuto di doverne curare una seconda edizione che è adesso a disposizione della comunità gabianese che, in questo modo, ha ‘rivitalizzato’ una pubblicazione di indubbio interesse storico.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Noris Morano

Noris Morano
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!