Articolo »

  • 07 settembre 2017
  • Villanova Monferrato

Tra i bagnanti della piscina con il caschetto da ciclista maneggiando un nunchaku

Si aggirava tra i bagnanti della piscina di Villanova maneggiando un nunchaku, un’arma tradizionale diffusa in Asia orientale, costituita da due corti bastoni uniti mediante una breve catena o una corda. Protagonista un giovane residente a Vercelli, A.M., 19 anni, denunciato a piede libero dai Carabinieri di Balzola con l’accusa di porto abusivo di armi. Il fatto risale al pomeriggio di venerdì quando il ragazzo, in bicicletta, giunge a Villanova proveniente da Vercelli. Una volta in paese si dirige alla piscina dove entra, vestito con jeans e maglietta. Poi, con il caschetto protettivo da ciclista in testa, comincia ad aggirarsi nel prato attorno alla vasca dove sono sistemati i bagnanti esibendosi con l’attrezzo usato dagli sportivi che praticano arti marziali.

Tra i presenti si crea una certa apprensione e qualcuno telefona ai Carabinieri. Sul posto arriva la pattuglia della stazione di Balzola che controllano il ragazzo, che nel frattempo ha riposto l’attrezzo nello zaino. I militari lo perquisiscono, trovandolo in possesso di un coltello della lunghezza di 18 centimetri che viene sequestrato con il nunchaku. Per il giovane è scattata un denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Vercelli.

È stato invece denunciato alla Procura della Repubblica del Tribunale dei Minori di Torino il ragazzo che martedì della scorsa settimana ha ferito con un piccolo coltello tre giovani durante una partita di calcetto che stavano disputando nel centro sportivo comunale di Villanova. Si tratta di un brasiliano di 16 anni, residente in paese, segnalato per i reati di lesioni personali e porto abusivo di armi. I giovani aggrediti hanno riportato abrasioni e lesioni e hanno dovuto ricorrere alle cure mediche.

Il fatto risale al pomeriggio di martedì scorso e sarebbe legato a una discussione nata durante una fase di gioco tra i ragazzi che stavano disputando una partitella sul campo di calcetto. Gli animi si sono surriscaldati e a un certo punto il giovane brasiliano, che giocava in porta, ha impugnato un coltellino e ha cominciato a menare fendenti.

Uno dei giocatori - 18enne da pochi giorni - è stato raggiunto da un colpo allo zigomo, proprio sotto l’occhio, riportando una ferita. Un altro ragazzino, di 13 anni, è stato ferito di striscio all’addome, riportando un’escoriazione giudicata guaribile in pochi giorni. Nel parapiglia della rissa, mentre i presenti cercavano di disarmare il portiere, un terzo giovane, anche lui sedicenne, ha riportato la frattura di un braccio: ne avrà per trenta giorni.

Nella frattempo è sopraggiunta una persona adulta che ha preso in consegna l’arma, poi consegnata ai carabinieri del nucleo radiomobile che nel frattempo erano accorsi sul posto.

I ragazzi feriti nella rissa nei giorni successivi all’episodio, hanno sporto denuncia ai Carabinieri di Balzola, competenti per territorio.