Articolo »

Gabiano, Varengo, Cantavenna, S. Aurelio

Il Monumento ai Caduti di tutte le Guerre di Gabiano (capoluogo e frazioni) è collocato nella Piazza Senatore Brusasca, poco distante dalla chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo che conserva un bel campanile romanico. Fu realizzato negli anni Novanta del secolo scorso da Flavio Zacco, il maestro d’arte che l’ha inserito nel “Muro di pietra”. Ne parliamo nell’ufficio del sindaco Domenico Priora che, ci anticipa amichevolmente, ha un progetto già finanziato per la creazione dei giardini di Gabiano oltre la piazzetta e il monumento. Nel frattempo, mentre ammiriamo le colline del Monferrato dalla terrazza panoramica, ci raggiunge il consigliere Michele Bizzotto. Con loro scendiamo la scala per fotografare la lapide con lo stemma sabaudo posta all’ingresso del palazzo municipale, opera del torinese Rizzi. In alto questa iscrizione dedicatoria: “Gabiano / ai suoi figli caduti eroicamente / nella guerra 1915 1918 / a perenne ricordo”. Un primo elenco Sotto l’iscrizione l’elenco dei Caduti (capoluogo e frazioni) divisi per grado. Ufficiali: Pagliano Camillo; Ravetti Icaro; Sottufficiali Eldinelli Edgardo; Caporali e soldati: Beccaris Angelo; Biglia Domenico; Biglia Fernando; Biglia Rinaldo; Bruno Andrea; Bruno Aurelio; Brusasca Giuseppe; Caligaris Luigi; Caligaris Marino; Calvo Domenico; Calvo Giovanni; Calvo Giuseppe; Cane Pietro; Canna Vito; Carpegna Angelo; Caviglia Pietro; Cerrano Emilio; Coppo Alberto; Cornaglia Florindo; Cornaglia Giovanni; Emanuel Giovanni; Gaviati Luigi; Giorcelli Pietro; Grosso Carlo; Manino Giuseppe; Merlo Anselmo; Merlo Giovanni; Missone G.Battista; Molinaro Giusto; Mussano Marziano; Patarino Giovanni; Pollo Ermenegildo; Rolla Luigi; Rolla Pietro; Strotto Riccardo; Straorengo Mario; Venezia Isidoro; Zacco Luigi; Zanotto Lorenzo; Zanotto Romolo; Zanotto Vincenzo. Sono stati aggiunti successivamente i nomi dei caduti di altre guerre. L’umanista Canna Breve sosta davanti alla casa di campagna dell’umanista Giovanni Canna, “ant al gir dal Picco” [il noto baritono Millo Picco, ndr]; poi proseguiamo per la frazione di Varengo, comune autonomo fino al 1928. La lapide è posta sotto l’arco ai piedi della scalinata in cemento dominata dalla facciata della chiesa di Sant’Eusebio del Magnocavalli. A Varengo di Gabiano Sotto un bassorilievo con armi incociate un elmo e un ramo di quercia si legge questa iscrizione dedicatoria: “Perché il ricordo delle loro eroiche gesta / sia di sprone a compiere eroiche virtù / Guerra 1915 1918”. Sotto l’elenco dei Caduti con il grado e la classe: Cap. Battagliero Annibale 1890 (nell’elenco dei decorati, figura un Battagliero Celestino, deceduto nel marzo 1917, sulla Vertojba Inferiore, nedaglia d’argento, ndr); Sol. Battagliero Giuseppe 1888; Sol. Balbis Enrico 1893; Sol. Mione Luigi 1891; Sol. Mione Giovanni 1885; Sol. Ulla Maggiore 1886; Sol. Ulla Giuseppe 1888; Sol. Ulla Remo 1890; Sol. Zanotto Paolo 1891. In un secondo momento sono stati inseriti i caduti e i dispersi della guerra d’Africa e del secondo conflitto mondiale. Parco a Sant’Aurelio A Sant’Aurelio il Parco della Rimembranza è stato inaugurato con una solenne cerimonia domenica 2 settembre 1923. Il piccolo monumento è posto di fronte alla facciata neoclassica della chiesa omonima. E’ affiancato dall’asta portabandiera e delimitato da quattro piloni con recinzione metallica. Reca questa iscrizione dedicatoria: “S.Aurelio / ai suoi figli caduti eroicamente / nella guerra 1915 1918 / a perenne ricordo”. Sotto l’elenco dei Caduti col grado, l’anno di nascita e di morte: Maggior Gen. Pagliano Camillo 1869 1919 (medaglia d’argento e cavaliere dell’ordine militare di Savoia, comandante della Brigata Bologna; Sol. Bruno Andrea Angelo 1894 1918; Sol. Bruno Aurelio 1894 1917; Sol. Brusasca Giuseppe 1880 1917; Sol. Caligaris Luigi 1896 1919; Sol. Caligaris Marino 1880 1918; Sol. Emanuel Giovanni 1895 1917; Sol. Gaviati Luigi 1896 1918”. Successivamente sono stati aggiunti i caduti dell’ultima guerra. A Cantavenna L’itinerario si conclude a Cantavenna, dove il Parco della Rimembranza venne inaugurato domenica 25 maggio 1924. Qualche mese prima, il 19 novembre 1923, era stata posta a cura della locale Società di Mutuo Soccorso sull’edificio scolastico la lapide in ricordo dei Caduti della Grande Guerra. In alto si legge: “Ai Caduti di Cantavenna / Maggio 1924”. Sotto l’elenco dei nomi col grado, la data e il luogo di morte: Tenente Ravetti Italo 21-11-918 Cantavenna; Sergente Eldinelli Edgardo 23-10-1918 Milano; Soldato Pollo Ermenegildo 21-6-1915 Isonzo 383; Soldato Patarino Giovanni 8-6-1916 M.Civaron; Soldato Calvo Giovanni 25-10-1916 Alessandria; Soldato Rolla Luigi 15-9-1917 Hlum 814; Soldato Missone G.Battista 23-7-1917 Bologna; Soldato Mussano Marziano 24-5-1917; Soldato Molinari Giusto 7-12-1918; Soldato Giorcelli Pietro 26-7-1917 Alessandria; Soldato Calvo Giuseppe 29-11-1917 Cantavenna; Soldato Stroppo Riccardo 4-12-1918 Cantavenna; Soldato Manino Giuseppe 28-10-1919; Soldato Rondano Giacinto di Celestino 7-12-1918; Soldato Quagliotti Ernesto di Annibale; Soldato Cornaglia Florindo di Antonio; Soldato Calvo Domenico di Secondo Francia 1918; Soldato Caviglia Pietro 15-11-1918; Soldato Cornaglia Giovanni Gennaio 1919; Soldato Brusasca Giuseppe 29-10-1917; Soldato Truffa Mario; Soldato Carpegna Angelo.