Articolo »

Cinque atti in novanta minuti

Ottavia e Nerone a Moncalvo

Le oscure manovre della seconda moglie dell’imperatore

Nerone è un bambino psicologicamente disturbato che vive in un luna park tragico ”. A sintetizzare così l’opera teatrale di Vittorio Alfieri, “Ottavia e Nerone”, andata in scena domenica scorsa, 24 febbraio, al Teatro civico di Moncalvo, è Marco Viecca, regista e interprete di Nerone.

Cinque atti in novanta minuti, prodotti dalla Fondazione Gabriele Accomazzo per il Teatro, durante i quali è raccontata la tragica vicenda di Ottavia (Chiara Buratti), moglie di Nerone, da lui ripudiata, bandita da Roma, e poi richiamata a corte per discolparsi dalla falsa accusa di adulterio. Le oscure manovre della seconda moglie dell’imperatore, Poppea (Daniela Placci) e del ministro Tigellino (Diego Coscia) portano alla condanna Ottavia la quale si uccide con il veleno sottratto a Seneca (Valentina Veratrini), precettore di Nerone.

l'intervista al regista su "Il Monferrato" di martedì 26 febbraio