Articolo »

Mercoledì scorso in Vaticano

Il Papa ringrazia per la Bagna cauda. L’invito a Portacomaro

Nell'aula Paolo VI durante la prima Udienza generale dell’anno

«Sono bravi, questi di Asti, hanno portato la bagna cauda». Con tono scherzoso papa Francesco ha ringraziato di fronte a migliaia di persone la delegazione monferrina presente mercoledì scorso, 8 gennaio, in aula Paolo VI in Vaticano durante la prima Udienza generale dell’anno.

I monferrini guidati dal sindaco di Asti Maurizio Rasero, dal presidente della Provincia Paolo Lanfranco e dal vescovo Marco Prastaro, hanno incontrato il Pontefice e gli hanno fatto dono alcuni prodotti tipici del nostro territorio, tra cui la bagna cauda, la foto della casa del papà e del nonno, un fujot e la copia di Astigiani in cui si raccontano le origini locali della sua famiglia.

Durante lo scambio di saluti gli astigiani hanno ricordato a Bergoglio che i monferrini lo aspettano con trepidazione, soprattutto gli abitanti di Portacomaro, dove il nonno Giovanni nacque nella frazione Bricco Marmorito e a cui nel 2015 hanno intitolato una piazza. L’ultima volta in cui papa Francesco fece visita ai parenti e ai luoghi monferrini che diedero le origini alla sua famiglia fu nel 2001. «Dovrei venire», ha detto Bergoglio, lasciando viva la speranza. A quando il ritorno? Speriamo presto, magari con la scusa di una bagna cauda.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Pier Vittorio Crova

Pier Vittorio Crova
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!