Articolo »

  • 29 luglio 2021
  • Casale Monferrato

Calcio Serie D

Casale: tra Giuseppino Coppo e la Console & Partners ora c'è la firma

Giovedì 29 è stato ratificato l'accordo per il passaggio di proprietà della società nerostellata ai "torinesi", rappresentati dal manager Simone Servetti e dall’ex calciatore della Juventus Michele Padovano

“La storia ci appartiene”. Lo striscione dei tifosi in Casale-Savona del 2019

Nella mattinata di giovedì 29 luglio la trattativa fra Giuseppino Coppo e la “Console&Partners” a garanzia della futura gestione del Casale FBC si è concretizzata con la firma di un accordo nello studio del notaio Baralis. Da una parte l’imprenditore monferrino di Cella Monte, che non è ancora chiaro se rimarrà o meno nel consiglio direttivo di quella che era, e per ora rimane – salvo sorprese in extremis – una semplice associazione sportiva dilettantistica. Dall’altra il manager torinese Simone Servetti e l’ex calciatore della Juventus Michele Padovano, desideroso di rientrare nel mondo del calcio.

L’allenatore sarà Marco Sesia, che sfata così il celebre detto “non c’è il due senza il tre”, in quanto in altre due circostanze era stato accostato alla panchina nerostellata senza che poi se ne fosse fatto nulla. Nel caso più datato, risalente all’estate 2008, l’ex mister di Pro Vercelli e Torino Primavera era stato presentato ufficialmente e poi si era dovuto tirare indietro per il dietrofront dell’imprenditore torinese Gibin. All’epoca, insieme a Sesia c’era il direttore sportivo Marco Rizzieri che, curiosamente, ritroveremo anche in questa nuova avventura, a tredici anni di distanza. Rizzieri è fresco reduce dalla vittoria nei play-off di Serie D con l’FC Messina che sembrava avere spalancato ai siciliani le porte del professionismo, ma l’opportunità è sfumata. Il preparatore dei portieri, infine, sarà Maurizio Brancaccio, che garantirà una continuità con la precedente gestione.

Si parla di un’imminente partenza per il ritiro precampionato di Chiusa Pesio e di un gruppo di giocatori che attendeva solo la conclusione delle trattative societarie per firmare gli accordi con la nuova dirigenza nerostellata. Sembra esserci la volontà di costruire una formazione che possa ambire all’alta classifica, si sta cercando di trattenere Coccolo e il portiere Drago – in entrambi i casi con scarse possibilità di successo – e fra i possibili volti nuovi è circolato il nome del centrocampista torinese Mattia Noia, classe 1992, una carriera fra Serie D (due campionati a Pinerolo) ed Eccellenza, con un’ultima stagione in formato “ristretto” al Pavia.

Nel decisivo pomeriggio di martedì è intervenuto anche il sindaco Riboldi a interessarsi delle trattative, senza prendere una posizione netta. Ed erano presenti anche alcuni tifosi che hanno fatto pressione a Coppo per giungere alla firma con la “Console&Partners”. Così, dopo mesi di trattative e una manciata di incontri andati a vuoto per mancanza di garanzie economiche da parte dei subentranti, giovedì entrambe le parti si sono dette soddisfatte.

Adesso i “torinesi” dovranno subentrare nel consiglio direttivo, i cui componenti - Accornero, Gaffeo, Fasce, Scalambra, Giusio, Gaidano e Turino - hanno già dato le dimissioni.

 

Articolo completo nell'edizione di venerdì 30 luglio


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Gianni Sacchi

Gianni Sacchi
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!