Articolo »

La mostra

"Gioielli su Carta. Ricchezze dorate fra disegni e cartoline: da Valenza all’Italia"

Sarà visitabile a Palazzo Valentino dal 10 novembre al 1° dicembre

Sabato 10 novembre alle ore 18 a Palazzo Valentino – Centro Comunale di Cultura di Valenza sarà inaugurata la mostra "Gioielli su Carta. Ricchezze dorate fra disegni e cartoline: da Valenza all’Italia". La mostra, a cura di Walter Fochesato e Riccardo Massola, è promossa dall’Assessorato alla Cultura nell’ambito delle iniziative legate al progetto del portale www.archiviorafivalenza.it. L’iniziativa è stata realizzata grazie al sostegno della Regione Piemonte e della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria.

L’esposizione riunirà per la prima volta le più rare e interessanti immagini di valore storico e artistico raffiguranti gioielli e opere di oreficeria. Si tratta di cartoline, opuscoli pubblicitari, figurine – datate fine Ottocento inizio Novecento – nel cui soggetto sono presenti monili e gioielli. Accanto a questo materiale, proveniente dalla collezione privata di Walter Fochesato, saranno esposti disegni di gioielli provenienti dagli archivi di alcune delle aziende orafe coinvolte nel progetto Archivi Orafi Valenza. Un lavoro di ricerca, censimento e promozione degli archivi aziendali del mondo orafo valenzano iniziato nel 2016 che ha coinvolto fino ad oggi una quarantina di aziende. Un lavoro fatto per riscoprire e fare luce su un prezioso passato raccontandolo attraverso testimonianze documentarie e manufatti.

«Esistono “gioielli su carta” capaci di far sognare chi li osserva. Sono gioielli disegnati su cartoline, locandine, copertine, pagine di periodici che talvolta, fiammeggiando, s’impongono all’occhio di chi guarda e altre volte tendono a sfuggire e si nascondono, quando spille e diademi si mescolano alle vesti e si rendono quasi indistinguibili. Ma esistono anche, negli archivi delle aziende orafe, disegni di gioielli che raccontano la storia di persone e oggetti d’arte che insieme danno valore al lavoro e alla creatività di generazioni, alimentando un immaginario collettivo legato all’oro che ha Valenza come capitale italiana. Questi “gioielli su carta” sono per la prima volta raccolti insieme in un catalogo (e in una mostra) in cui il bello e il vero si fondono in un’atmosfera preziosa che non è soltanto legata al mondo della moda e del costume ma è anche storia di una città, Valenza, e della sua tradizione orafa».

In mostra sarà anche possibile vedere per la prima volta alcuni dei disegni del Fondo Rota, parte del ricco materiale di grafica custodito negli archivi dell’Associazione Amici del Museo dell’Arte Orafa che ha collaborato all’iniziativa. Questi disegni sono stati selezionati tra gli oltre 800 che compongono il lascito di Dario Rota all’Associazione. Esempi di spille, orecchini, anelli, databili alla prima metà del Novecento attraverso i quali è possibile cogliere le variazioni di stile e gusto dell’oreficeria italiana dell’inizio del secolo scorso.

L’inaugurazione sarà occasione anche per la presentazione del catalogo della mostra edito dalla casa editrice Interlinea di Novara. Interverranno all’inaugurazione Gianluca Barbero (Sindaco), Dimitri Brunetti (Regione Piemonte - Settore Beni Librari e Archivistici), Walter Fochesato (esperto di storia dell’illustrazione, Università di Genova) e Roberto Cicala (direttore editoriale di Interlinea).

La mostra sarà visitabile a Palazzo Valentino dal 10 novembre al 1° dicembre con i seguenti orari: lunedì – giovedì 9-12.30/14.30-18; venerdì e sabato 9-12.30/15-19 (ingresso libero).

Nella foto un momento della presentazione dell'evento che si è svolta questa mattina, martedì 6 novembre, a Palatium Vetus ad Alessandria.