Articolo »

L'appello del sindaco Federico Riboldi

Vaccino a -80°? Ci pensano le aziende del freddo casalesi

Dopo l'annuncio del colosso farmaceutico Pfizer

Il colosso farmaceutico statunitense Pfizer annuncia l’arrivo del vaccino anti coronavirus ma si profila una problematica logistica non da poco: come trasportarlo se deve essere mantenuto ad una temperatura che oscilla sui - 80 gradi? 
 
Il sindaco Federico Riboldi, ha colto la palla al balzo e, dopo il dialogo social tra il politico langarolo dei Fratelli d’Italia Guido Crosetto e l’immunologo Roberto Burioni,si dice pronto a convocare al più presto il tavolo delle aziende del freddo al fine di non lasciarsi sfuggire l’opportunità di risolvere una problematica molto delicata come quella dell’emergenza sanitaria. Il Casalese intende dunque attrezzarsi ed essere pronto per venire incontro a quella che può rivelarsi davvero una grande chance per il polo del freddo nostrano. 
 
Durante il dibattito social su Twitter il politico dei Fratelli d'Italia Guido Crosetto ha indicato Casale Monferrato tra le eccellenze mondiali nella catena del freddo, assoluta capitale del settore. L’industria casalese nel settore della refrigerazione è infatti fra le più importanti su scala internazionale e, con essa, il Centro Studi Galileo che organizza corsi in Italia e in tutto il mondo. Il prodotto della Pfizer-BioNTech, chiamato BNT162b2, deve essere mantenuto a bassissime temperature e la distribuzione mondiale sarà difficile. Richiede anche due somministrazioni, a tre settimane di distanza l’una dall’altra.Molti governi sperano in un vaccino che possa essere conservato a una temperatura più vicina a quella ambiente e che richieda una singola dose. 
 
servizio su "Il Monferrato" di venerdì 13 novembre

Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Augusto Bianco

Augusto Bianco
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!