Articolo »

  • 23 agosto 2019
  • Casale Monferrato

Istruzione

Nominati i nuovi dirigenti scolastici degli istituti casalesi

Entreranno in quiescenza dunque: Roberto Viale, Rossana Gianella e Luisella Cabrino

Sono stati resi noti i nomi dei nuovi Dirigenti Scolastici che, dal prossimo 1° di settembre, entreranno in carica negli Istituti Scolastici del Monferrato casalese, per andare ad occupare i posti resisi vacanti in seguito alle quiescenze dei colleghi uscenti. Tra i 3420 candidati al concorso nazionale, 2900 sono risultati vincitori per 1987 posti disponibili, di cui 239 in Piemonte (3° regione per numero, dopo Lombardia con 359 posti vacanti e Veneto con 264) e 10 nel comprensorio monferrino. Tra loro c’è anche un monferrino, Pier Paolo Capello (classe 1972), già docente all’Istituto Superiore Sobrero, che sarà dirigente presso l’Istituto Comprensivo Casale 1  Anna D’Alençon di Casale Monferrato. Ma vediamo i nomi di ognuno di loro e le sedi che andranno ad occupare: Claudio Simonetti (classe 1964) sarà Dirigente Scolastico presso l’Istituto Comprensivo Casale 3 (Bistolfi-Dante); Carlo Bertolozzi (classe 1964) di Lucca, al Cpia 1 Alessandria di Casale Monferrato; Angelica Bignami (emiliana classe 1963) all’Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini di Moncalvo; Paola Barbieri (classe 1972) all’Istituto Comprensivo Ozzano Monferrato/Vignale Monferrato; Claudia Giuseppina Cerrano (classe 1967) all’Istituto Comprensivo di Castell’Alfero; Giuseppe Nunzio Faraci (classe 1968) all’Istituto Comprensivo di Cerrina Monferrato; Gennaro Scotto Di Ciccariello (classe 1974) all’Istituto Comprensivo Don Milani di Ticineto; Maria Luisa Iaquinta (classe 1980) all’Istituto Comprensivo di Valenza e Maria Lina La China (classe 1971) all’Istituto Comprensivo di Livorno Ferraris. Entreranno in quiescenza dunque: Roberto Viale, Dirigente Scolastico presso l’Istituto Comprensivo di Cerrina e il Don Milani di Ticineto, Rossana Gianella, dirigente scolastico al Comprensivo Casale 1 e Luisella Cabrino al Comprensivo Casale 3. Grazie al nuovo concorso, dovrebbe superarsi da settembre il problema delle reggenze che, fino all’anno scolastico 2018-19, si aggirava sulle 1700 unità. Nel frattempo, alla luce del costante e progressivo calo demografico, c’è chi auspica anche in una ripianificazione di alcuni Istituti, numericamente alla soglia di rischio, con carenza di direttori responsabili, collaboratori e insegnanti.