Articolo »

Manifestazione

Al via la prima domenica della Fiera del Tartufo a Moncalvo

La città si veste a festa per questo evento autunnale

Un momento dell'edizione 2021 della Fiera del Tartufo

L’appuntamento più atteso dell’autunno moncalvese è finalmente arrivato. Domenica inizia la 68ma edizione della Fiera del Tartufo Bianco di Moncalvo. La città è vestita a festa, le vetrine dei negozi sono addobbate con i colori autunnali, gli stand di piazza Carlo Alberto sono già montati per accogliere gli espositori con le eccellenze enogastronomiche del nostro territorio. “Per me e la mia Commissione questa rappresenta la prima fiera al completo dopo due anni di edizioni ristrette a causa dell’emergenza sanitaria – commenta con soddisfazione il presidente della Commissione Fiera del Tartufo Bianco, Michele Rampone -. Quest’anno si torna finalmente in piazza con 120 espositori e 65 hobbisti, di cui molti espositori moncalvesi e 26 di funghi e tartufi. Le quantità dei tartufi non saranno esorbitanti a causa della siccità che ha colpito il nostro territorio, ma l’eccellenza sarà come sempre garantita”. In Piazza Carlo Alberto saranno presenti i migliori diamanti grigi in circolazione e oltre un centinaio di espositori con bancarelle e vendita di prodotti tipici del territorio. Si parte, alle ore 9, con l’inaugurazione della grande area espositiva mentre, alle 9.15, si aprono le iscrizioni al concorso per commercianti e cercatori, i famosi trifulao, nelle due sezioni: esemplari singoli e in gruppo. Alle 11.30 è prevista la chiusura delle iscrizioni e l’inizio dei lavori della commissione che giudicherà gli esemplari per peso, bellezza e profumo. Il momento più atteso è intorno alle 12.30 quando sarà assegnato l’ambito premio “Tartufo d'Oro”. 

“La scelta del 2020 di spostare al centro della piazza l’esposizione e la premiazione del Trofeo Città di Moncalvo “Tartufo d’Oro” e “Zappino d’Argento” per la seconda domenica che si terrà il prossimo 30 ottobre, è stata molto apprezzata dai turisti perché consente di assistere meglio alle operazioni di premiazione e migliora la partecipazione del pubblico, per cui sarà confermata anche quest’anno”, prosegue Rampone. Questo stand sarà anche teatro di approfondimenti sulle tematiche del vino, dei tartufi e dell’importanza che il peculiare terreno monferrino riveste nel conferire loro proprietà organolettiche uniche. “Novità di quest’anno sarà la tartufaia temporanea allestita in piazza Garibaldi a cura della Proloco, che ha lo scopo di coinvolgere i partecipanti alla fiera facendogli vivere un’esperienza immersiva e sarà sicuramente un ottimo sfondo per le foto ricordo dei turisti che ci faranno visita. Qui sarà possibile fare delle cerche simulate e incontrare alcuni trifolao che sveleranno qualche trucco del mestiere”, spiega Valentina Toson della pro loco aleramica. E la stessa pro loco è pronta ad affrontare entrambe le domeniche con tre offerte: il pranzo presso la sede, lo stand gastronomico in piazza e il pranzo degli escursionisti. Anche quest’anno è prevista una superficie coperta per consentire la consumazione delle pietanze rigorosamente a base di tartufo.

“Grazie al lavoro di squadra e al coordinamento con forze dell’ordine e volontari siamo riusciti a gestire due edizioni straordinarie caratterizzate dall’emergenza pandemica – spiega il sindaco Christian Orecchia -. Quest’anno sarà tutto più semplice, anche se la sicurezza rimane la priorità, sarà possibile vivere l’evento nella normalità. Dietro all’organizzazione ci sono enormi sforzi e sacrifici dell’amministrazione e delle commissioni. Grazie alla Cassa di Risparmio di Asti e alla Fassa Bortolo per il contributo offerto, all’ATL Langhe Monferrato Roero e al GAL BMA per l’attività di promozione coordinata delle fiere Nazionali del Tartufo sperimentata quest’anno per la prima volta”.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Maurizio Gily

Maurizio Gily
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!