Articolo »

Sanità

Asl Al e Azienda Ospedaliera candidate a diventare IRCCS

Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico per patologie ambientali e mesotelioma

Su proposta dell’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Icardi, la Giunta regionale ha approvato martedì 18 maggio la prosecuzione del progetto dell'Azienda Ospedaliera di Alessandria  e dell'Azienda Sanitaria Locale di Alessandria «di istituzione e riconoscimento dell’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) per patologie ambientali e mesotelioma, secondo le linee guida prospettiche elaborate dal Dipartimento interaziendale funzionale delle attività integrate ricerca e innovazione (Dairi), costituitosi a tal fine d’intesa tra le due istituzioni sanitarie alessandrine».

«Sappiamo che Alessandria ha tutte le carte in regola per candidarsi alla costituzione dell’Irccs – commenta l’assessore Icardi – e faremo tutto il possibile perché l’eccellenza della Sanità alessandrina venga riconosciuta in ogni sede, come davvero merita. Abbiamo autorizzato il direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Alessandria di assumere in concerto con il direttore generale dell’Asl, tutte le iniziative propedeutiche alla finalizzazione del progetto, in costante confronto con  gli uffici della Direzione Sanità e Welfare della Regione. I direttori delle due Azienda sanitarie interessate hanno il mandato di definire la forma giuridica e di redigere, entro la fine del corrente esercizio, una  bozza dell’atto costitutivo e dello statuto del costituendo Irccs, con indicazione delle eventuali conseguenti modifiche dei rispettivi atti aziendali. Il percorso è bene avviato».

Al momento, «le attività del Dairi saranno rese dal personale già operante nelle  strutture dell’Azienda ospedaliera di Alessandria (Sc Infrastruttura Ricerca e Innovazione, Ssd Laboratori di Ricerca, Ssd  Medicina Traslazionale, Ssd Coordinamento Amministratore Dairi) e dell’Azienda sanitaria di Alessandria (Ssa Governo Clinico Qualità ed Accreditamento, Seremi, Ssd Mesotelioma, Ssd Malattie Infettive, Centro sanitario Amianto)».

E sull'annuncio interviene il consigliere regionale, Domenico Ravetti, che stigmatizza: «La prima delibera della Giunta regionale risale a marzo 2019 ed era quella presieduta da Sergio Chiamparino; fu quella che diede inizio all'iter per il riconoscimento dell'Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico sulle patologie ambientali. Sono ora contento che l'attuale assessore regionale alla Sanità abbia promosso una nuova iniziativa in Giunta per proseguire il percorso che migliorerà l'intero sistema sanitario provinciale. I progetti utili alle persone non hanno colore politico, servono e vanno semplicemente sostenuti».


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Paolo Testa

Paolo Testa
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!