Articolo »

  • 09 giugno 2021
  • Casale Monferrato

Giovedì 10 e venerdì 11 giugno

Settore del Freddo: il Convegno Europeo del Centro Studi Galileo

L’appuntamento è fissato al Politecnico di Milano

«Da oltre 40 anni, il Convegno Europeo del Centro Studi Galileo, realizzato in collaborazione con le Nazioni Unite, è il più importante appuntamento del settore HVAC/R (refrigerazione, riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria). Il 10 e l’11 giugno, decine dei maggiori esperti del settore, da tutto il mondo, prenderanno parte all’evento, che si svolgerà in diretta dal Politecnico di Milano e sarà disponibile in streaming in oltre 190 paesi».

Lo fa sapere il Centro Studi Galileo: «Il convegno, suddiviso in cinque sezioni tematiche, oltre che dalle Nazioni Unite - UNEP e dal Centro Studi Galileo (il maggiore punto di riferimento per la formazione del settore) è organizzato in collaborazione con l’IIR (Istituto Internazionale per la Refrigerazione), AREA (Air conditioning and Refrigeration European Association), ATF (Associazione Italiana del Tecnici del Freddo) e REI (Renewable Energy Institute)».

All’evento partecipa anche Federico Riboldi, sindaco di Casale Monferrato: «Casale Capitale del Freddo ha visto nascere le prime industrie della refrigerazione e oggi è in prima linea nelle sfide che ci attendono nel prossimo decennio: mantenere i privilegi del “freddo” senza impattare sull’ambiente ed estenderli a tutte le nazioni mondiali. “Freddo” significa lotta alla malnutrizione, conservazione dei vaccini, e contrasto allo spreco alimentare. Una sfida che vede impegnati all’unisono enti formativi, tecnici, industrie e organizzazioni internazionali in cui il distretto del freddo sta recitando una parte importante».

L’ultimo anno, continuano dal Centro Studi «ha reso evidente il ruolo assolutamente cruciale del “freddo” nelle nostre vite: la cold chain è stata assolutamente fondamentale non solo per garantire la continuità dei servizi essenziali (supermercati, farmacie e datacenter, solo per citarne alcuni), ma anche per quella che è stata -ed è tuttora- la fase più cruciale della lotta alla pandemia, con la distribuzione dei vaccini su scala mondiale, in particolar modo quelli che necessitano di essere conservati a -80 C°».

Il 19° Convegno Europeo «segna anche un passo storico nei rapporti tra Europa e Africa, con la firma di un accordo di stretta collaborazione, un Memorandum of Understanding, tra AREA, associazione Europea che riunisce tutte le associazioni nazionali europee del Freddo, e U-3ARC, corrispettivo africano: i rispettivi presidenti Marco Buoni (anche direttore del Centro Studi Galileo e segretario di ATF) e Madi Sakandé sigleranno il documento nel corso della seconda giornata di Convegno, venerdì 11 Giugno. Il MoU garantirà scambio di competenze e risorse, con un occhio di riguardo per la formazione e la valorizzazione del capitale umano, nell’ottica di un potenziamento dell’economia africana, fortemente incentivato dalle Nazioni Unite».

Nelle cinque sessioni del Convegno, ampio spazio è destinato «alla svolta green del settore: la nuova Regolamentazione Europea garantirà infatti una efficiente transizione verso gas refrigeranti meno dannosi per l’ambiente, per garantire la quale sarà necessario investire non solo sull’innovazione tecnologica e sulle logiche di risparmio energetico (il Freddo consuma quasi la metà dell’elettricità complessiva, a livello mondiale), ma anche sulla conseguente formazione e certificazione dei tecnici».

L’appuntamento è fissato al Politecnico di Milano, e in diretta streaming, per giovedì 10 e venerdì 11 giugno.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Paolo Testa

Paolo Testa
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!