Articolo »

Domenica 9 l'inaugurazione

Alla Comunità Ebraica di Casale un defibrillatore al servizio di tutta la città

L’apparecchio salvavita attivato in vicolo Salomone Olper

Vicolo Salomone Olper dove si trova la Sinagoga di Casale

L’apparecchio era stato consegnato già nel novembre del 2020, ma la ripresa della pandemia aveva impedito la sua messa in opera. Ora, da domenica 9 maggio, grazie all’Associazione Amici di Magen David Adom Italia ETS e alla Comunità Ebraica, Casale Monferrato avrà un defibrillatore in più, a disposizione non solo dei tanti visitatori del complesso di vicolo Salomone Olper, ma anche di tutta la città. L’apparecchio verrà ufficialmente inaugurato e attivato in una piccola cerimonia alle ore 11 alla presenza del presidente dell’Associazione Amici di MDA Italia ETS, Sami Sisa, del Presidente della Comunità Ebraica di Casale Elio Carmi, dell’Assessore del Comune di Casale Monferrato ai Servizi Sociali, Volontariato e Associazionismo Luca Novelli, di Silvia Voghera Coordinatrice nazionale Magen David Adom Italia ETS, dei rappresentanti della Croce Rossa Italiana.

L'iniziativa fa parte della campagna “Datti una mossa dagli una scossa”, con cui Magen David Adom italia ETS sta installando nei principali luoghi dell'ebraismo italiano questi indispensabili dispositivi salvavita. Un'iniziativa realizzata grazie anche al contributo a valere sui fondi 8 per mille 2020 dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

Magen David Adom Italia ETS, ovvero gli amici italiani dell’organizzazione nazionale di emergenza pre-ospedaliera israeliana, hanno avviato la campagna nel 2018 con l'installazione di defibrillatori presso 8 Betei Ha-Knesset di Milano. Nel 2020 l'iniziativa si è ampliata ad altre 5 comunità ebraiche nel centro-nord: Venezia, Firenze, Casale, Bologna e Trieste.

Il defibrillatore verrà installato ben visibile nel Cortile delle Api, adiacente alla biglietteria dei musei. La sua presenza è una buona notizia per tutti, non solo per chi frequenta abitualmente la Comunità e le migliaia di turisti che la visitano ogni anno (16.000 presenze all’anno prima del Covid). Avere a disposizione un defibrillatore significa aumentare in modo significativo le possibilità di salvare vite in tutto il quartiere dove è collocato. Ogni defibrillatore, infatti viene segnalato al 118 per essere sempre disponibile per i soccorritori in caso di emergenza. Una possibilità da non sottovalutare visto che in Italia i decessi per arresto cardiaco improvviso sono 60.000 all'anno e il 30% di questi potrebbe essere evitato con un defibrillatore a portata di mano.

Alle 11,30 la Comunità di Casale ospiterà il corso BLSD destinato a formare gli operatori sull’uso dell’apparecchio e sulle nozioni di primo soccorso. Il corso sarà tenuto dal referente nazionale per la CRI Davide Filippi e da un Istruttore BLSD del Comitato Regionale del Piemonte di CRI.

Per chi volesse aderire la quota di partecipazione al corso è di 50 euro; il ricavato verrà devoluto a sostegno del MDA per l’acquisto di un’ambulanza in ricordo di Rav Elia Richetti z’’z’’l, scomparso lo scorso mese e molto conosciuto anche a Casale. Si ricorda che per le disposizioni vigenti anti covid, gli ingressi al complesso di Vicolo Salomone Olper sono contingentati ed è richiesta la prenotazione.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Laura Curino

Laura Curino
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!