Articolo »

  • 06 ottobre 2017
  • Casale Monferrato

LETTERA - La proposta: un Liceo Artistico a Casale dedicato a Umberto Eco

Il preside Calvo: «È un'opportunità e non danneggerebbe nessuno»

Stimatissimo direttore, nel ringraziare lei e i suoi collaboratori per l’ampia copertura comunicativa relativa all’evento del venticinquesimo anniversario del liceo Linguistico, colgo l’occasione per sottolineare ancora, così come già fatto in quella giornata, la necessità che anche oggi la nostra città investa in innovazione scolastica, insistendo in tutte le sedi – opportune importune – affinché sia concessa anche a Casale almeno uno degli otto percorsi del nuovo Liceo Artistico.

Da anni ormai la nostra scuola si batte perché sia capito che la concessione di un Liceo Artistico - con biennio comune e triennio specialistico di tipo audiovisivo-multimediale - non arrecherebbe alcun danno agli licei analoghi della provincia, perché con indirizzi molto diversi; sarebbe invece, come ha detto il prof Angelo Miglietta, una grossa opportunità formativa in ambiti del sapere oggi estremamente importante per la nostra società.

Un Liceo Artistico, da collocarsi nel momento in cui sia arrivato alla sua pienezza in una sede prestigiosa del nostra città come potrebbe essere il Palazzo Trevigi, magari con un nome di forte richiamo mondiale, come quello di Umberto Eco come intitolazione della scuola, sarebbe il regalo più bello per l’annualità in cui Casale si candida a Capitale della Cultura.

Non si tratta di un regalo al “Balbo”, ma agli alunni e alla componente più creativa di questa città che sabato scorso ha dato prova di unità con il vescovo Catella, i rappresentanti della Provincia, Riboldi e Dezza, il sindaco Palazzetti e i colleghi sindaci del territorio e i parlamentari locali, tutti presenti per celebrare una importante meta per le scuole della nostra città.

A loro oggi e alla società civile tutta il compito di progettare il futuro con i giovani di questo territorio.