Articolo »

  • 04 gennaio 2018
  • Casale Monferrato

Camera di Commercio: le esportazioni decollano, 800 milioni in più

Nei primi nove mesi del 2017 il valore delle esportazioni alessandrine ha raggiunto quota 4,9 miliardi di euro, confermando la formidabile crescita già radicata nei primi sei mesi dell’anno. Il dato dei primi nove mesi 2017 rispetto ai primi nove mesi del 2016 è +18,3%, pari a 800 milioni di export in più. Il dato è superiore alla media regionale (+8,9%) e nazionale (+7,3%). La prima esportazione alessandrina, gioielleria e pietre preziose, registra un valore di 1,6 miliardi di euro (circa 1/3 dell’export manifatturiero totale); l’export di questa produzione è in crescita del 37% rispetto ai primi nove mesi del 2016: oltre 400 milioni di euro di esportazione in più. Il saldo della bilancia commerciale estero è positivo: + 2 miliardi di euro. La provincia esporta per il 97% prodotti delle attività manifatturiere, e principalmente: gioielleria e pietre preziose, prodotti chimici, prodotti della siderurgia, metalli di base preziosi, articoli in materie plastiche (queste voci compongono quasi il 60% dell’export manifatturiero).

Svizzera, Francia e Germania restano i principali mercati (insieme accolgono oltre il 50% dell’export provinciale). «Primi in Piemonte - commenta Gian Paolo Coscia, presidente della Camera di Commercio di Alessandria - Un dato che a fine anno consolida gli ottimi risultati dei primi sei mesi del 2017, divenendo, auspichiamo, un augurio per il 2018 e una promessa di prosecuzione di impegno e serio lavoro. Un grazie alle nostre aziende, che non hanno mai smesso di credere e di lavorare a testa bassa, in questi anni difficili e pieni di cambiamenti».

L’export alessandrino è composto per il 97% dai prodotti delle attività manifatturiere (un ammontare di 4,7 miliardi di euro su 4,9 miliardi di euro di esportazione totale). I comparti non manifatturieri incidono complessivamente per il 3% sul totale export: le voci più consistenti sono “prodotti dell’agricoltura, della silvicoltura e della pesca”, che segna una variazione di +320%, e “prodotti delle attività di trattamento dei rifiuti e risanamento”, che registra una diminuzione del 10%.

Le esportazioni del comparto manifatturiero (che rappresenta il 97% dell’export totale) sono ripartite fra Paesi di destinazione UE ed extra UE secondo queste percentuali: 54% verso paesi UE28, 46% verso paesi extra UE28. Francia e Germania sono le principali destinazioni dei prodotti. L’export alessandrino verso i due Paesi registra una crescita del 38% verso la Francia e del 14% verso la Germania. In Francia “esportiamo” soprattutto gioielleria e pietre preziose, il cui valore è passato da 197 milioni di euro dei primi 9 mesi del 2016 a 400 milioni nei primi 9 mesi del 2017. In Germania “esportiamo” principalmente prodotti della siderurgia, valore in crescita da 117 milioni di euro a 148 milioni di euro. In generale, l’export alessandrino verso i paesi UE-28 registra un’ottima crescita: +20%. La Svizzera, con un dato export di 971 milioni di euro, è lo sbocco principale delle nostre esportazioni extra UE e il primo Paese di destinazione del nostro export in assoluto, e registra +13% rispetto ai primi 9 mesi del 2016.