Articolo »

  • 24 novembre 2022
  • Casale Monferrato

Al Museo Civico

Inaugurata la Wunderkammer. Casale pensa a un suo polo egizio?

Collaborazioni in vista con Torino e Conzano

Marianna Belvedere e Sabina Malgora davanti alla Wunderkammer

E se ci fosse stato Carlo Vidua domenica mattina al Museo Civico di Casale Monferrato per la presentazione della Wundekammer con i reperti egizi cosa avrebbe detto? Nel salone Vitoli un numeroso pubblico ha accolto la novità del polo museale cittadino. Ma cosa è questa camera delle meraviglie? A spiegarci il tutto è stata l’egittologa casalese Sabina Malgora: «Un’espressione di lingua tedesca per indicare stanze o cassetti intarsiati in cui i viaggiatori ed esploratori collocavano reperti provenienti dai loro viaggi».

Da qui l’idea di utilizzare alcune riproduzioni dell’attuale collezione Vidua, esposta nel piano ipogeo del Museo Civico, per renderla accessibile e interattiva davvero con tutti, bambini inclusi. Una bella novità per le sale del Museo, che dopo Bistolfi è in procinto di pensare a una valorizzazione ulteriore del celebre esploratore monferrino Carlo Vidua, il cui nome è indissolubilmente legato alla nascita del Museo Egizio di Torino. E le autorità Vittoria Poggio, assessore alla cultura della Regione, il sindaco Federico Riboldi, l’assessore Gigliola Fracchia stanno pensando a una triangolazione con Torino e Conzano, dove sono nate importanti collaborazioni per la nascita della “Wunderkammer 4.0”. La sede possibile della collezione egizia? Dovrebbe essere Santa Croce...

Al termine della conferenza (presentata da Alessandra Montanera, conservatore del Museo Civico, insieme alla responsabile Elena Varvelli), si è passati a far “parlare” la camera delle meraviglie: ed ecco che una riproduzione di un amuleto di Horus, collocato sopra un sensore, permette di ascoltare (insieme a immagini) la storia di quel reperto. Vidua sarebbe contento. 


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Maurizio Gily

Maurizio Gily
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!