Articolo »

Nel weekend

Apre la Stagione Nazionale del tartufo a Murisengo

Un nuovo format per celebrare la trifola del Monferrato

Aprirà sabato 17 ottobre la Stagione Nazionale del Tartufo Bianco di Murisengo nel Monferrato, il nuovo format della fiera, temporaneo e occasionale, ideato per rispondere, con tono e determinazione, alle limitazioni imposte dalla pandemia. L’emergenza sanitaria non ha bloccato il ciclo naturale del Tartufo, ma è stata occasione per rivitalizzare l’evento, secondo una logica territorio e di eccellenza, nel naturale rispetto del distanziamento interpersonale.

Per l’edizione 2020, dunque, la Terra del Tartufo ha saputo reinventarsi proponendo, non le tradizionali due domeniche di Fiera, ma due mesi (9 fine settimana, 18 giorni), per apprezzare il Tuber Magnatum Pico in tutte le sue declinazioni: dalla tavola all’acquisto, dal territorio alla cultura e all’arte, fino alla natura, allo sport e all’ambiente…

“Da Fiera a Stagione, il Tartufo Bianco Pregiato resta il protagonista assoluto e, intorno ad esso, verrà rimodulata l’offerta cercando di soddisfare le aspettative dei fruitori e dilazionando la proposta in un periodo più esteso e in ambiti maggiormente allargati e diffusi” spiega il sindaco Gianni Baroero.

Per ogni data, l’offerta è ricca e variegata, spendibile per poche ore, per un giorno o per un fine settimana. Le soluzioni enogastronomiche, interamente dedicate ai piatti della tradizione della Terra del Tartufo, sono spendibili presso ristoranti, agriturismi e osterie. Sul sito www.fieradeltartufo.com sono consultabili i menu della settimana, le immagini e le descrizioni dei locali inseriti nel circuito (prenotazioni dirette). In piazza Boario, verrà allestito l’Angolo del Trifolau, presso il quale acquistare i Tuber Magnatum Pico e i tartufi neri, direttamente dal cercatore. Per chi vorrà portarsi a casa un ricordo goloso dalla Terra del Tartufo, presso il Temporary Store TargatoMurisengo di via Asti, angolo via Chivasso (di fronte alla piazza Boario), sarà possibile acquistare specialità e tipicità locali (vini, miele, nocciole, salumi, formaggi caprini, composte, zafferano, salse, prodotti dolciari da forno, paste fresche, ortofrutta, trasformati e anche fiori e tessuti).

Soddisfatta la tavola e la spesa, chi sceglierà ulteriori occasioni di permanenza, potrà scegliere tra diverse attività e attrazioni outdoor. Per ognuna delle 18 giornate, su prenotazione e in collaborazione con associazioni del territorio, sono organizzati:  enotrekking tra i vigneti con degustazioni nelle cantine (Fondazione Ecomuseo Pietra da Cantoni); escursioni di nordic walking nei luoghi del tartufo con tappa gastronomica (Cammini DiVini Valcerrina); sotrywalking tra monumenti, arte e architettura con degustazione torta di nocciole e caffè (Anna Maria Bruno); e-bike lungo le colline monferrine con tappa alla Big Bench panoramica Tartufina ed eventuale tappa enogastronomica (Asd I Cinghiali spa - possibile il noleggio delle ebike); Andando per Castelli, Pievi e Musei around Murisengo (Il Trabucco); cerca simulata del tartufo con trifolau e tabuj. Chiusura domenica 13 dicembre con il Mercatino di Natale in collaborazione con  Elleboro e Polisportiva. Info su: www.fieradeltartufo.com, segreteria@fieradeltartufo.com, 335 6517555.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Armandina Gruppo

Armandina Gruppo
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!