Articolo »

  • 03 dicembre 2018
  • Casale Monferrato

Promozione

La guida “111 luoghi delle Langhe, Roero e Monferrato che devi proprio scoprire”

L’area Casalese e del nord-astigiano è rappresentata da 15 splendide località

Con l’inizio di dicembre una nuova insolita guida va ad arricchire il patrimonio letterario comune dell’area Unesco di Langhe-Roero e Monferrato. Sta infatti per raggiungere le librerie l’opera dal titolo “111 luoghi delle Langhe, Roero e Monferrato che devi proprio scoprire”, volume che segna un nuovo tassello della collana dedicata ai “111 luoghi da scoprire” che l’editore tedesco Emons (con sede a Colonia) ha realizzato in questi ultimi anni circa le tappe imperdibili di città d’Europa e fra queste anche località o aree d’Italia. Dopo Milano e Torino la scelta è caduta sui “Paesaggi Vitivinicoli” che legano i rilievi vitati del Piemonte meridionale. Si scoprono dunque 111 tappe nell’asse fra Casale Monferrato e Alba transitando da Asti e senza dimenticare interessanti divagazioni nel nicese, nel Roero e pure nell’alessandrino e Alto Monferrato, tutte curate dagli autori torinesi Maurizio Francesconi ed Alessandro Martini, in visita in Monferrato nella scorsa primavera ed estate.

“Sono territori vicini ma diversissimi – si legge nella premessa - oggi popolarissimi e frequentati da un pubblico internazionale richiamato dal vino e dal cibo, custodiscono bellezze artistiche antiche e contemporanee, paesaggi affascinanti (quelli naturali tanto quanto quelli coltivati a vigneti e noccioleti) e tradizioni che sopravvivono e si rinnovano. Vini quasi dimenticati e rilanciati sui mercati mondiali, cibi tipici impossibili da trovare altrove, arte e architettura medioevale e barocca ma anche del Novecento e contemporanea, giardini storici, residenze reali e private visitabili o tuttora abitate, aziende vinicole progettate da archistar, imprenditori innovativi (e talvolta addirittura illuminati), santi sociali, grandi scrittori, partigiani, produttori tipici che sono diventati l’eccellenza nei loro campi, panchine giganti e racchette da tennis…”

L’area Casalese e del nord-astigiano è rappresentata da 15 luoghi. Quali? A Casale Monferrato troviamo quattro siti: il Duomo, la Gipsoteca, il Parco Eternot e la Sinagoga con il sistema di Musei cittadini. Nelle immediate vicinanze sono oggetto di trattazione Coniolo, “il paese che visse due volte”, l’Ecomuseo della Pietra da Cantoni a Cella Monte, e Frassineto Po, coinvolto con ben due capitoli dedicati al monumento insolito composto dai cento blocchi e al Centro di Interpretazione del Paesaggio del Po. Ma poi sono citati anche Moleto, il Castello gualiniano di Cereseto, i cementifici di Ozzano Monferrato e - non poteva mancare - il sito Unesco inserito in altro sito Unesco: il Sacro Monte di Crea. Non mancano i luoghi del moncalvese segnalati dalla guida che tocca aspetti artistici (come i paliotti di Moncalvo), artigianali (le Botti Gamba di Castell’Alfero) e naturalistici, quale la meraviglia del Bialbero della Felicità, a Casorzo. Il tutto con foto che invitano a visitare i luoghi citati. Una guida sull’asse collinare Unesco ancora mancava… e chissà che, oltre a essere fonte di ulteriore intercettazione di flussi turistici, non sia anche un esempio di visione d’insieme per le terre “Patrimonio dell’Umanità”.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Sandro Martinotti

Sandro Martinotti
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!