Articolo »

Sabato scorso

Gli sbandieratori di Moncalvo al "Paliotto" di Asti

Il ritorno del gruppo aleramico all'evento in piazza Alfieri

L'esibizione degli sbandieratori del Comitato di Moncalvo

Grande soddisfazione da parte di tutta Moncalvo per il ritorno del Comitato Palio al “Paliotto”, il palio dedicato ai musici e agli sbandieratori. Dopo diversi anni i colori aleramici hanno di nuovo invaso piazza Alfieri ad Asti, sabato scorso, di fronte a un nutrito pubblico.

A vincere è stato ancora una volta il borgo San Lazzaro, mentre Moncalvo si è classificato dodicesimo nella graduatoria, Castell’Alfero invece penultimo, al quattordicesimo posto. “Quest'anno per il Comitato Palio di Moncalvo scendere di nuovo in piazza per il Paliotto è stato veramente una grande gioia e soddisfazione – commenta il rettore moncalvese Raffaele Mazzella -. I responsabili Fabio e Lucia insieme a tutti i musici e sbandieratori in un anno di intenso di lavoro hanno creato coreografie e musiche da farci fare un’ottima figura. Vi han preso parte 4 musici tra i 9 e i 15 anni, una piccola mascotte di 3 anni e mezzo e due giovanissimi sbandieratori di 11 e 9 anni. Il gruppo nel suo complesso è costituito da circa una ventina di componenti che si allenano con costanza e impegno”.

Il Paliotto ha chiuso le manifestazioni iniziate i primi di maggio con i festeggiamenti per il santo patrono di Asti, San Secondo, con cui inizia ufficialmente l’anno paliesco. “Il nostro gruppo sbandieratori e musici è una formazione giovane con appena tre anni di vita nonostante vanti una storia, nel campo delle bandiere e dei tamburi, che risale addirittura agli anni Ottanta – prosegue Mazzella -. Purtroppo, a causa di diverse vicissitudini, il gruppo si è sciolto e ricostituito in più occasioni. Dal 2021 molti giovani si sono avvicinati a questa arte e sono ragazzi di diverse fasce di età, tutti accomunati dalla passione per il Palio”.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Noris Morano

Noris Morano
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!