Articolo »

Maltempo

Il Governatore del Piemonte Alberto Cirio sarà in visita al Santo Spirito

Per il sindaco Riboldi: »Stiamo andando tutti ad un’altra velocità. È finita l’era in cui Casale e il Monferrato erano la Cenerentola del Piemonte»

Il Governatore della Regione Piemonte Alberto Cirio sarà in Monferrato nella giornata di lunedì. Per lui è previsto un incontro con i Sindaci dei comuni del territorio che sono stati maggiormente colpiti dal maltempo di questo mese, un confronto con il mondo agricolo ed un sopralluogo all’Ospedale Santo Spirito, dove l’ultimo forte temporale ha danneggiato le coperture del reparto di Fisiatria Degenza.

«Finalmente Casale e il Monferrato stanno tornando a recitare un ruolo di rilievo nel panorama regionale: è finita l’era in cui eravamo la Cenerentola del Piemonte - dichiara il Sindaco Federico Riboldi che prosegue - Dopo le grandinate delle scorse settimane il Presidente della Regione Alberto Cirio ci ha chiesto di incontrare Sindaci e Associazioni agricole per valutare soluzioni ai danni e di visitare l’Ospedale Santo Spirito le cui coperture sono state danneggiate dai recenti temporali, ma che è anche simbolo dei tagli alla sanità locale determinati dalla precedente amministrazione regionale.» 

Cirio in mattinata sarà a Vercelli accompagnato dall'Assessore regionale Roberto Rosso e dai Consiglieri regionali Angelo Dago, Alessandro Stecco e Carlo Riva Vercellotti (quest'ultimo anche in veste di Presidente della Provincia di Vercelli) per un incontro con la Protezione Civile Vercellese.

Nel pomeriggio il neo-governatore sarà a Palazzo Ghilini, sede della Provincia di Alessandria,  dove si svolgerà l’incontro con i Sindaci dei comuni del Monferrato casalese che hanno subito danni dovuti alle calamità del mese di agosto. In serata, infine, è programmata la visita presso l’ospedale Santo Spirito di Casale Monferrato. 

«Ringraziamo Alberto Cirio per l’altra velocità, la puntualità e la disponibilità dimostrata, unica nel suo caso per un presidente di Regione fino ad oggi» conclude Riboldi