Articolo »

Manifestazione

In piazza a Roma per chiedere misure contro i danni della fauna selvatica

«La norma che assegna la competenza alle Regioni è fondamentale per dare certezze alle imprese agricole e garantire il futuro agli agricoltori»

Una manifestazione in piazza Montecitorio a Roma per dire basta ai danni da fauna selvatica, cinghiali soprattutto. Una vera e propria emergenza nazionale che mette a rischio in particolare la sicurezza e la salute degli automobilisti e che, secondo l’indagine Coldiretti/Ixè, porta 3 italiani su 4 (72,7%) a considerare un pericolo per la circolazione la presenza di animali selvatici e di cinghiali. Il numero di incidenti gravi con morti o feriti per colpa di animali è aumentato del 81% sulle strade provinciali nel periodo 2010-2018 secondo l’analisi Coldiretti su dati del rapporto Aci Istat. 

Oltre otto italiani su 10 (81%) pensano che l’emergenza cinghiali vada affrontata con il ricorso agli abbattimenti, soprattutto incaricando personale specializzato per ridurne il numero.  Oltre 100 gli incidenti stradali causati da cinghiali che in media vengono dichiarati ogni anno in provincia di Alessandria, un dato in costante crescita che ha registrato in Piemonte negli ultimi 6 anni 7.000 incidenti causati dalla fauna selvatica con una media pari a circa 1.200 incidenti l’anno, ma con la tendenza ad aumentare.

Ai rappresentanti del Governo e del Parlamento di tutti gli schieramenti presenti è stato illustrato un pacchetto di misure da tradurre in un emendamento alla Legge di Bilancio finalizzato a semplificare le norme che consentano alle regioni di mettere a punto piani per il contenimento dei “selvatici”. 

«La norma che assegna la competenza alle Regioni è fondamentale per dare certezze alle imprese agricole e garantire il futuro agli agricoltori. Si deve però andare oltre alla caccia per dare risposte strutturali che consentano di ripristinare l’equilibrio ambientale che è stato visibilmente compromesso anche con l’intervento di personale specializzato», così il presidente e il direttore di Coldiretti Alessandria, Mauro Bianco e Roberto Rampazzo, al termine della manifestazione che ha visto una numerosa delegazione di alessandrini presenti nella capitale.

Al fianco degli agricoltori si sono schierati esponenti delle istituzioni, sindaci con i gonfaloni e i rappresentanti dei sindacati, Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil, dell’ambientalismo e delle associazioni dei consumatori come Symbola, Terranostra, Federparchi, Federconsumatori, Codacons, Adusbef, Centro Consumatori Italia, Apab e Legambiente.