Articolo »

Ferrovie

Casale-Mortara: prima si inaugurava a opera finita e adesso... si celebrano le promesse!

Interviene il circolo di Casale di Prc-Se

«Nelle scorse ore è stata annunciata la presenza, per lunedì 20 giugno alle ore 13 davanti alla stazione ferroviaria di Casale Monferrato, del presidente della Regione Alberto Cirio. L’occasione dovrebbe essere quella di celebrare la promessa di apertura della linea ferroviaria Casale Mortara per settembre 2023».

In merito a tale evento il circolo di Casale Monferrato del PRC-SE ha dichiarato: «C’è un detto popolare padovano che riassume bene il gesto che il presidente del Piemonte si appresta a fare: xe pezo el tacon del buso. Un tempo i politici andavano sul territorio per tagliare nastri e inaugurare, ma avevano almeno il buon gusto di presentarsi a opere effettivamente ultimate. Cirio non ha proprio pudore e si presenterà a Casale a celebrare la promessa di una soluzione nel 2023!».

«È davvero incredibile la faccia tosta di questo esponente della classe dirigente della nostra Regione, pari solo a quella del sindaco Riboldi, che avalla questo tipo di comportamento; dopo anni di melina e di presa in giro dei cittadini, questi ultimi dovrebbero accontentarsi di nuove promesse. Nei giorni scorsi la Regione Piemonte ha siglato un nuovo contratto di servizio con Trenitalia che somiglia molto al gioco delle tre carte: non un chilometro in più di percorrenza, qualche modifica di orario e indifferenza verso riattivazioni utili come quella della Asti Chivasso. Le persone non sono più disponibili a farsi prendere per il naso e Cirio deve sapere che a Casale non è il benvenuto».

«Se proprio vuole venire in città – ha concluso il circolo PRC-SE – provi a cambiare data e ora. Provi, ad esempio, ad accompagnare i pendolari la mattina presto sulla linea per Alessandria. Si accorgerà che si è costretti a cambiare a Valenza Po, dove spesso e volentieri la coincidenza salta perché il ritardo di prammatica non è tollerato dal treno diretto al capoluogo di provincia. È questa la vita indegna delle persone comuni che si devono spostare, è quella che Cirio non vede e non vuole vedere».


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Giuseppe Sannazzaro Natta

Giuseppe Sannazzaro Natta
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!