Articolo »

Primo appuntamento

Moncalvo, al via il Festival Cacciano

Nella chiesa di San Francesco concerto di Gabriele Agrimonti

Agosto è conosciuto dai moncalvesi come il mese dedicato al Festival Guglielmo Caccia. Cinque le serate di alto livello musicale, a ingresso libero, che si svolgeranno nelle più suggestive location esterne di Moncalvo: dalle antiche torri alle chiese, dalle piazze ai cortili. “Un mese di cultura e di musica per la nostra città – commenta il vicesindaco Andrea Giroldo – che non sarà rovinato dalle misure anti-Covid. Anzi, grazie ai volontari della Protezione civile che supervisioneranno gli eventi, la diciannovesima edizione del Festival vedrà anzi una serata musicale in più rispetto al solito”. Si inizia domenica 2 agosto alle ore 21.30 nella chiesa di San Francesco, con Gabriele Agrimonti, organista parmigiano residente a Parigi, vincitore nel 2019 del concorso internazionale “Marchail-Titaize” e, nello stesso anno, del prestigioso concorso di composizione di Saint Albans.

L’8 agosto sarà, invece, la volta del concerto in piazza Garibaldi del “Parma Brass”, dedicato a nuove composizioni, allo swing e a canzoni italiane e straniere. Il 15, giorno di ferragosto, “Aura Nebiolo Quartet” si esibirà in piazza Antico Castello con “Gershwin Brothers”, il 22 agosto la “Iso Big Band”, diretta da Franco Bogliano, arriva in piazza Antico Castello nella formazione storica completata dalle voci di Sal Belvedere e Giulia Rossi. Il 29 agosto in piazza Garibaldi, infine, tocca ai professori dell’Istituto Musicale Soliva Di Casale Monferrato; il pianista Matteo Corda e Giorgio Ratto al flauto traverso eseguiranno brani classici dell’ottocento e del novecento.

Gli ingressi, tutti gratuiti e alle ore 21.30 saranno contingentati a causa delle restrizioni sanitarie sino a esaurimento posti e le visite guidate alle opere di Guglielmo e Orsola Caccia non si terranno anche se sarà possibile ammirare i quadri nelle chiese di san Francesco e sant’Antonio.

Il Festival è curato dal “Centro Civico Montanari”, in collaborazione con “Associazione Culturale Guglielmo Caccia, detto Moncalvo, e Orsola Caccia”, il Comune e la parrocchia guidata da don Giorgio Bertola. 

Il festival Guglielmo Caccia può essere considerato ormai una tradizione culturale di Moncalvo e del Monferrato in quanto ha alle sue spalle quasi un ventennio di storia – spiega Andrea Monti, presidente del Centro Civico Montanari. Ha avuto la capacità di mixare negli anni sia generi musicali diversi, ospitando gruppi di elevatissimo standard qualitativo che hanno spaziato dal blues al jazz, dalla musica classica settecentesca ai concerti d’organo solo per citarne alcuni, allietando le serate sia dei moncalvesi che di un pubblico di fedelissimi della rassegna fidelizzato nel tempo. La crescita della manifestazione nel corso degli anni è stata anche associata all’importante lavoro di valorizzazione delle opere di Guglielmo e Orsola Caccia portato avanti dalla Parrocchia di Moncalvo grazie all’incessante opera del nostro parroco Don Giorgio al quale tutti noi moncalvesi dobbiamo essere riconoscenti per ciò che ha fatto dapprima restaurando tutte le opere e poi sapendole valorizzare”.


Profili monferrini

Questa settimana su "Il Monferrato"

Mario Giunipero

Mario Giunipero
Cerca nell’archivio dei profili dal 1871!