Articolo »

  • 11 settembre 2018
  • Casale Monferrato

Indagine

Corruzione e turbativa: coinvolto casalese

Il direttore della casa di riposo Paolo Barbano sospeso dalle pubbliche funzioni

Coinvolto in una complessa inchiesta per corruzione e turbativa d’asta, il direttore della casa di riposo di Casale Monferrato, Paolo Franco Barbano, è stato sospeso per sei mesi da tutte le funzioni pubbliche. La misura è stata decisa nei giorni scorsi dal gip del Tribunale di Vercelli ed è stata eseguita dalla Guardia di Finanza.

Analoga misura interdittiva ha raggiunto Giovanni Maria Ghe e Gianpaolo Paravidino, rispettivamente presidente del consiglio di amministrazione e direttore della casa di riposo Borsalino di Alessandria, mentre nei confronti di Massimo Secondo, presidente della cooperativa vercellese Punto Service (specializzata nella gestione di servizi assistenziali), sono stati disposti sei mesi di sospensione dagli incarichi dirigenziali all’interno della sua società.

L’indagine nella quale Barbano è coinvolto è relativa al rinnovo della gara d’appalto triennale per la gestione dell’Ipab Borsalino di Alessandria. L’inchiesta, particolarmente lunga e tecnicamente complessa, è partita dalla vicenda che, a dicembre 2015, portò all’arresto del presidente del Consiglio comunale di Casale, Davide Sandalo, con l’accusa di tentata concussione per aver chiesto una mazzetta per l’assegnazione dell’appalto per i servizi scolastici.

servizio completo su "Il Monferrato" di martedì 11 settembre 2018