Articolo »

Simulano un falso investimento, nei guai padre e figlio rumeni

Si sono inventati un sinistro per ottenere un risarcimento. È quanto avvenuto nei giorni scorsi in Lomellina con protagonista un uomo di 39 anni, romeno, abitante a Breme, e suo figlio quattordicenne, rei di aver “inventato” le scorse settimane un incidente sulla strada tra Mede e Sartirana adducendo di essere stati investiti da un camion pirata.

I Carabinieri di Sartirana, a seguito delle indagini e dopo l’esito delle analisi del sangue da parte dei medici dell’ospedale di Alessandria, dove l’uomo (il minore era illeso), effettivamente ferito (avrebbe riportato traumi cranico e toracico), era stato condotto dal 118, dalle quali risultava che il cittadino romeno era in stato di ebbrezza, sono risaliti a quanto realmente accaduto. L’uomo era caduto da solo dalla bicicletta, procurandosi delle ferite, ma aveva convinto il figlio a testimoniare per lui, inventandosi l’incidente, per ottenere un risarcimento del fondo vittime della strada.

I militari dell’Arma hanno provveduto a denunciare il 39nne per simulazione di reato e procurato allarme alla procura della Repubblica di Pavia e a segnalare il figlio, per aver assecondato la versione del padre, al Tribunale dei Minori di Milano.