Galleria »

  • 03 ottobre 2020
  • Motta de'Conti

Sabato 3 ottobre

Esondazione del Sesia: Terranova evacuata, Motta allagata

Le strade della frazione sono presidiate dalle forze dell'ordine e dalla Protezione Civile

In corso le operazioni di sgombero di Terranova: il Comune ha predisposto 100 posti letto al Palafiere Riccardo Coppo, modificando a causa del Covid il Piano d'emergenza che prevedeva di utilizzare le scuole Martiri come punto di concentrazione della popolazione

AGGIORNAMENTO ORE 15: In corso le operazioni di sgombero di Terranova: il Comune ha predisposto 100 posti letto al Palafiere Riccardo Coppo, modificando a causa del Covid il Piano d'emergenza che prevedeva di utilizzare le scuole Martiri come punto di concentrazione della popolazione.

Le strade della frazione sono presidiate dalle forze dell'ordine e dalla Protezione Civile, che sta aiutando nelle operazioni di evacuazione. Attualmente la zona fra la Stura e il Sesia è allagata, mentre l'esondazione che ha colpito Motta de' Conti non sembra diminuire di portata, mettendo a rischio anche il centro abitato della frazione. 

 

Il sindaco Riboldi, alle 13.30, ha disposto l'inizio delle operazioni di sgombero precauzionale per gli abitanti della frazione Terranova. La misura è stata adottata in seguito all'aumento della portata del fiume Sesia. Nella frazione si registrano le prime esondazioni nei campi che circondano il centro abitato.

A Motta l'emergenza è a livelli alti: il paese, ci dice il sindaco Emanuela Quirci, è praticamente totalmente allagato a causa delle numerose esondazioni

La Prefettura di Alessandria, per monitorare il deflusso del Sesia e del Po ha disposto l'apertura dei Centri Operativi della Protezione Civile di Casale, Valenza e Frassineto, mentre squadre di volontari stanno operando presso Madonnina di Serralunga di Crea per le esondazioni di rii minori che hanno allagato varie abitazioni

Il sindaco di Frassineto Gianmarco Argentero ha emesso in mattinata un'ordinanza di evacuazione per 10 famiglie che risiedono sulla sponda sinistra del Po, vicino a Terranova, ma nel territorio di Frassineto. Le famiglie, la momento, non hanno ancora lasciato le loro abitazioni.